SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Torna l’evento “clou” e probabilmente più sentito della stagione estiva sambenedettese.

Dal 25 al 28 luglio si svolgerà a San Benedetto la Festa della Madonna della Marina: “la festa delle feste” come più volte sottolineato dalle istituzioni.

Ma quest’anno si è andati vicini ad un clamoroso forfait con la “querelle” fra l’associazione San Benedetto in Festa e l’amministrazione comunale in merito all’organizzazione. Alla fine è stata trovata una soluzione e un’intesa, probabilmente ha prevalso il buon senso.

Nella mattinata del 22 luglio si è svolta, in Comune, la conferenza di presentazione dell’edizione 2019 con relativo programma.

Si svolgerà anche l’edizione 2019 di “Ittico, il Festival del Brodetto” che accompagnerà la festa della Marina.

A prendere la parola è il sindaco Pasqualino Piunti: “Ecco la festa delle feste. In questi anni abbiamo voluto cementificare la tradizione. Non è un fatto di iniziative civili o religiose ma tutta San Benedetto deve festeggiare il ‘sacro’ ovvero quello che i pescatori hanno fatto in tutti questi anni. Siamo terza città d’Italia per l’accoglienza e stiamo superando Ascoli per il numero di abitanti e ci piazzeremo al quarto posto nelle Marche. Tutto questo grazie anche al lavoro dei marinai. Quest’anno ci sono state alcune difficoltà, come può accadere, ma alla fine tutto è stato risolto per la festa che rappresenterà la città intera. Abbiamo un tessuto sociale e culturale di primo ordine. Ringrazio i volontari di San Benedetto in Festa ma anche tutti i quartieri che hanno dimostrato disponibilità e questo significa che tutti ci tengono alla Madonna della Marina”.

Il Comandante della Capitaneria di Porto, Mauro Colarossi, è all’esordio nella festa: “Mi affaccio con emozione. Una procedura rodata, mia prerogativa è che tutto avvenga in sicurezza. Ci saranno ordinanze per la processione al mare e lo spettacolo pirotecnico ma mi appello al buon senso. Parlo delle imbarcazioni che parteciperanno alla processione e alla loro capienza e anche per l’insabbiamento che verrà affrontata durante il fermo pesca per una prima fase. Non sarà un dragaggio ma una prima attività di spostamento delle sabbie. Alla cittadinanza dico di avere pazienza”.

La festa, in realtà, è iniziata il 18 luglio con le iniziative religiose e la Madonna della Marina che è passata vicino alle case dei sambenedettesi. Molto sentite la processione in mare, la messa al porto e la processione che dallo scalo va alla Cattedrale.

Giovanni Filippini, presidente dell’associazione San Benedetto in Festa: “Contento di rappresentare i 120 volontari che a titolo gratuito lavorano alla manifestazione. Ringrazio anche Comune e Capitaneria, siamo partiti in leggero ritardo ma stiamo cercando di recuperare. Partiremo da Porto d’Ascoli con le fontane danzanti e speriamo di realizzare il maritozzo più lungo al mondo. Inoltre abbiamo realizzato un’area per i disabili dove le macchine con portatori di handicap potranno sostare con accompagno ai tavoli degli stand enogastronomici in piazza Mar del Plata. Zona vicino al ristorante Molo Sud”.

Stefano Gaetani, San Benedetto in Festa: “Ci saranno spazi dedicati alla musica, all’intrattenimento e alle freccette con un torneo. Aziende private hanno messo a disposizione alimenti specifici e noi penseremo alla gastronomia base. Abbiamo mantenuto i prezzi dello scorso anno per dare la possibilità a tutti di usufruire dei vari menù. Nonostante il ritardo speriamo di ridare sensazioni ed emozioni del 2018. Partiamo da Porto d’Ascoli perché siamo convinti che la festa delle feste sia di tutti. Già la nostra associazione è composta da più realtà, ben 8 di cui quattro appunto di Porto d’Ascoli. L’area disabili doveva essere fatta prima ma si sa, meglio tardi che mai. Altra novità il torneo di freccette Soft Dart”.

Il torneo di freccette Soft Dart

Il menù

Giulio Piergallini, autorità portuale: “Il presidente Giampieri parteciperà alla processione in mare, noi ci teniamo a questa festa per una città molto importante in ambito marinaro”.

Arcangelo Caputo, Circolo Nautico Sambenedettese: “Felice di contribuire, siamo onorati e felici di partecipare alla festa delle feste. Sento questa celebrazione come la cerimonia più bella ed emozionante della città”.

Manrico Urbani parla del Palio Velico: “Siamo giunti alla sesta edizione. Abbiamo cominciato in sordina ed ora ci siamo affermati. La gara è stata spostata all’esterno del Molo Sud per dare visibilità alla kermesse. E’ cambiato il sorteggio: abbiamo deciso di abbinarla alla benedizione di Don Romualdo dei motopescherecci partecipanti. Subito dopo faremo composizione girone eliminatori. Cercheremo di fare finale quasi in contemporanea con l’uscita delle barche della processione in mare. Uno spettacolo per gli occhi molto gradito. Lo scorso anno ha vinto il quartiere Albula Centro”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.