SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Per il secondo anno, il Comune di San Benedetto del Tronto destina il “fondo 0-6”, ottenuto grazie all’adesione al “Programma regionale di sviluppo del Sistema integrato di educazione e istruzione 0-6”, all’abbattimento dei costi dei servizi educativi per i bimbi da 0 a 3 anni.

San Benedetto ha beneficiato di un contributo di circa 75 mila euro, di cui 25mila circa di provenienza regionale e 50mila del fondo nazionale, che ha destinato a rendere gratuita la frequenza dei servizi estivi di luglio dei nidi comunali di via Foglia e via Manzoni per i bimbi le cui famiglie hanno un ISEE fino a 21.500,00 euro. Il beneficio si aggiunge alla riduzione delle tariffe concesso nello scorso periodo natalizio alle famiglie con i medesimi requisiti.

Grazie a questi fondi, inoltre, le famiglie che hanno l’ISEE sotto il limite di 21.550 euro potranno ottenere una decurtazione tra il 40% e il 50% della retta dei mesi che vanno da settembre a dicembre del prossimo anno educativo.

L’adesione al “fondo 0-6” e i relativi benefici connotano il Comune di San Benedetto del Tronto come ente particolarmente impegnato nella cura dei servizi educativi per i più piccoli, anche in considerazione della continua formazione che seguono le educatrici.

“Non va inoltre dimenticato – dice in proposito l’assessore alle Politiche Sociali Emanuela Carboni – che i genitori che iscrivono i bimbi ai nostri nidi e alle sezioni “Primavera” possono anche beneficiare dei voucher dalla Regione Marche, 2 mila euro all’anno, e del Bonus Inps, attualmente di 132 euro mensili, grazie al fatto che le strutture comunali risultano accreditate. La qualità di questi servizi – aggiunge Carboni – è confermata dalle attestazioni di gradimento che ci pervengono dai genitori e questo ci incoraggia a proseguire nell’impegno a fornire servizi educativi di qualità”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.