MARTINSICURO – Folla e commozione per l’ultimo saluto a Salvatore Sasà D’Ardia, il 32enne tragicamente scomparso domenica scorsa a seguito di un malore che non gli ha lasciato scampo mentre giocava a calcetto. Tantissimi gli amici che, insieme ai parenti (molti dei quali giunti da Torre del Greco, città di origine di Salvatore), hanno voluto salutare per l’ultima volta quel ragazzo, sempre sorridente e amato da tutti. Momenti di grande commozione hanno accompagnato la funzione funebre celebrata dal parroco della Chiesa del Sacro Cuore di Martinsicuro, don Patrizio Spina. All’uscita del feretro un tripudio di palloncini bianchi e azzurri si è alzato verso il cielo. Poi una sosta in piazza Cavour tra il rombo di oltre 100 moto e scooter e infine l’ultimo triste viaggio verso il cimitero della città, mentre all’entrata della chiesa uno striscione recitava: ” il tuo sorriso era uno dei più rari e illuminava le nostre giornate, ciao Sasà”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.