MARTINSICURO – Controlli in questi giorni nel Teramano da parte delle Forze dell’Ordine.

Un’unità del Reparto Prevenzione Crimine di Pescara ha fermato in via Roma a Martinsicuro un’autovettura con a bordo padre e figlio (classe 1954 e 1978 di origini pugliesi ma residenti in Svizzera) che avevano occultato nel portabagagli due grosse mazze in ferro rivestite con impugnatura di spugna, di cui i due non hanno saputo dare giustificazioni in merito al possesso.

La successiva e immediata perquisizione presso l’abitazione di Alba Adriatica, con l’ausilio della Volante Mare, in cui in questo mese di luglio i due hanno riferito di vivere, ha consentito ai poliziotti di rinvenire anche un’ascia in metallo con manico in legno e due coltelli da cucina di 23 centimetri, depositati in un cassetto della camera da letto.

Riscontrato che, peraltro, i due non svolgono nessuna attività lavorativa, né hanno interessi sul territorio provinciale, dopo essere stati denunciati alla Procura della Repubblica per detenzione e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere, sono stati muniti di Foglio di Via Obbligatorio per lasciare il territorio comunale di Alba Adriatica.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.