PORTO SANT’ELPIDIO – Era febbraio quando a Porto Sant’Elpidio si consumò un episodio criminale.

Un rappresentante di preziosi venne rapinato mentre tornava in auto dopo una visita di lavoro in gioielleria. I malviventi avevano puntato gli occhi sulla valigia del lavoratore, contenente i gioielli. Con una moto si sono avvicinati in due alla vittima e hanno preso la valigetta scaraventando a terra l’uomo che riportò otto giorni di prognosi per lesioni. Bottino da oltre 10 mila euro.

Partirono immediatamente le indagini. I due fecero “staffetta” con altri due complici che avevano preso due auto in noleggio per il trasporto dei gioielli rubati. E’ stato scoperto che il rappresentante era stato monitorato dai criminali. Si tratta di quattro uomini dai 26 ai 56 anni, di Napoli, tre dei quali con precedenti.

Il Gip ha emesso, dopo gli accertamenti della Polizia, delle misure cautelari nei loro confronti. Uno di loro è stato arrestato (disposti i domiciliari, gli altri tre sono ormai braccati e presto saranno assicurati alla giustizia. Saranno portati in carcere.

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.