SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La saracinesca del Pino Bar resterà abbassata, almeno fino a settembre.

Lo storico locale che sorge in viale Buozzi, nel pieno centro di San Benedetto, resterà chiuso per il periodo estivo a causa di una decisione della Soprintendenza, la quale ha chiesto tempo per valutare il progetto di riqualificazione presentato dalla società “Miami Srl”, società che si era aggiudicata il bando lo scorso maggio.

L’assegnazione a “Miami” da parte del Comune era avvenuta a seguito della chiusura del bar nel settembre 2018 e del respingimento di un ricorso al Tar presentato dalla vecchia gestione “Bruno Vitali Srl”. Altre erano state le polemiche e le minacce di ricorso a seguito dell’affidamento.

Calmate le acque, si attendeva la riapertura del Pino Bar per la stagione estiva. Invece, cittadini e turisti dovranno trovare un luogo di ritrovo alternativo.

Appresa la notizia, il consigliere di minoranza Marco Curzi dice la sua: “Nonostante l’amministrazione si sia adoperata celermente per l’assegnazione dello storico bar di San Benedetto, la Soprintendenza deve fare ancora accertamenti e siamo rimasti spiazzati perché tutte le verifiche avrebbero dovuto essere fatte a priori, prima di assegnare un bene pubblico come il Pino Bar. Il problema è il degrado di una zona così centrale della città, visto che anche l’Hotel Garden è chiuso. Ancora una volta non vorremmo che si cerchi sempre di arrivare, mentre poi rimangono delle incompiute e si fanno delle magre figure. Non si può arrivare in piena estate in questa situazione, gli accertamenti andavano fatti prima”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.