SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ terminata la terza edizione del progetto “Non perdiamoli di vista”, che consiste nel fare una diagnosi precoce  allo studente del terzo anno di scuola media inferiore per valutare o meno i sintomi della malattia del cheratocono , malattia degenerativa non infiammatoria della cornea caratterizzata da un progressivo assottigliamento dello stroma centrale e paracentrale , progetto  ideato dal Dottor Luca Cesari, socio del Rotary Club di San Benedetto del Tronto ed insignito per tale progetto del Paul Harris Fellow ,la piu alta onorificienza rotariana e primario del reparto di Oculistica degli Ospedali riuniti di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto e promosso dal Rotary Club San Benedetto del Tronto con la presidenza di Giovanni D’Aurizio e proseguito con le presidenze di Claudio Trofino e Alberto De Angelis, club partner dell’iniziativa i Rotary Club di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto Nord.

Quest’anno hanno aderito per la prima volta tutti i 18 istituti della provincia di Ascoli Piceno per numero 83 classi di terza media. Su una popolazione scolastica di circa 1770 studenti sono stati visitati 1500  , ci sono stati 20 casi sospetti e 3 sono stati accertati da curare . Si ringraziano i presidi degli istituti, l’ortottista Cristina Vita, la ditta Tecnomed di Ancona che ha messo a disposizione il topografo corneale , la Dottoressa Simona Flammini, rotariana del club di Ascoli Piceno e funzionaria dell’ufficio IV Ambito Territoriale di Ascoli Piceno del Miur Marche.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.