GIULIANOVA – E’ stato trovato il corpo del giovane Mohamed, il 14enne di Teramo e origine magrebina, di cui dal 24 giugno si era persa ogni traccia in mare a Giulianova mentre faceva il bagno con un amico.

A individuarlo nei pressi del fanale rosso del porto, fanno sapere alla Direzione Marittima di Pescara, è stato un diportista. Si tratta di un punto già battuto durante le ricerche: è possibile che il corpo sia riemerso successivamente a causa delle correnti. Nella zona erano ancora in corso le operazioni della Guardia Costiera, impegnata con motovedette e un elicottero.

Lunedì scorso il ragazzo, insieme a un coetaneo, si era allontanato in acqua su un materassino gonfiabile, ma mentre l’amico era riuscito a tornare a riva, nonostante il mare forza 3, di lui si erano perse le tracce nel pomeriggio.

Alle ricerche avevano partecipato anche motovedette della Guardia di Finanza, sommozzatori ed elicottero dei Vigili del fuoco, personale dei soccorsi speciali Smts-Opsa della Croce Rossa, con moto d’acqua e gommoni.

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.