ACQUAVIVA FUTURA – “Unione dei Comuni: l’esperienza termina dopo aver ascoltato le nuove amministrazioni di Monteprandone e Monsampolo, una Unione che ha portato due contributi di 7 mila e 48 mila euro. Una Unione che ha supportato i ragazzi acquavivani a seguito della inagibilità della scuola. Una Unione che ha gestito il Suap il cui costo adesso sarà comunque sostenuto dal Comune per una nuova convenzione con il Consid”.

Così in una nota il sindaco Pierpaolo Rosetti di Acquaviva Picena, dopo il Consiglio Comunale del 24 giugno che ha decretato lo stop all’Unione con Monsampolo e Monteprandone. Era stata messa in stand by prima delle elezioni comunali dei due borghi.

Il primo cittadino parla anche della variazione di bilancio: “Al Consiglio è stata approvata dalla sola maggioranza la variazione in cui erano inseriti 50 mila euro per efficientamento energetico che uniti al mutuo di 150 mila portano l’investimento sugli impianti sportivi a 200 mila euro. Circa 1023 euro in più oltre i 5 mila già stanziati per la colonia estiva, un incremento di 2546 euro di sponsor per eventi e un taglio di 9 mila euro sull’Unione”.

Infine Rosetti rifila una stoccata ad Acquaviva Futura: “Quindi l’opposizione non sostiene gli investimenti sugli impianti, per le colonie, gli sponsor per le manifestazioni e dopo averci attaccato sull’Unione non votano una variazione che recupera 9 mila euro di costi proprio dall’Unione così come non votando il bilancio di previsione si è dimostrata contraria agli investimenti sugli asfalti”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.