GROTTAMMARE – Un’estate all’insegna del cinema in Riviera.

Cinema in Giardino 2019 parte a Grottammare, nello spiazzale del Comune, con un’Anteprima imperdibile, due serate a cui non si può mancare: L’Uomo che comprò la luna di Paolo Zucca, serata a ingresso gratuito, Solo cose belle di Kristian Gianfreda, la serata è organizzata in collaborazione con l’Associazione Papa Giovanni XXIII, la protagonista del film Ida Maria Recati sarà presente per incontrare il pubblico.

Anche per il 2019 il Cinema Margherita propone la sua programmazione estiva suddivisa tra Cinema in Giardino, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Grottammare, e gli spettacoli nella sala del Cinema MargheritaCinema d’Estate rientra nel progetto CinemalCentro, nato con l’intento di riportare il cinema al centro della vita cittadina e del tessuto urbano.

– L’uomo che comprò la luna di Paolo Zucca, con Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannofino, Benito Urgu, Lazar Ristovski. Il film è stato proiettato alla Festa del Cinema di Roma 2018 ed è candidato a 2 Nastri d’argento.
– Solo cose belle di Kristian Gianfreda, con Idamaria Recati, Luigi Navarra, Giorgio Borghetti, Carlo Maria Rossi, Barbara Abbondanza, Marco Berta, Francesco Yang, Aaron Maccarthy, Marco Brambini, Patrizia Bollini, Federica Pocaterra. La proiezione è organizzata in collaborazione con l’Associazione Papa Giovanni XXIII, alla serata parteciperà Idamaria Recati che parlerà con il pubblico presente.
Idamaria Recati è una giovane attrice al suo primo lungometraggio, che si era fatta notare per le sue prove teatrali: “Francesco e Chiara”, “Before Christ ‘Magnbifique’” con la regia di Marco Papeschi e “Ceci n’est pas un cabaret” con la regia di Lorenzo Baglioni

L’uomo che comprò la luna: Una coppia di agenti segreti italiani riceve una telefonata concitata dagli Stati Uniti: pare che qualcuno, in Sardegna, sia diventato proprietario della luna. Il che, dal punto di vista degli americani, è inaccettabile, visto che i primi a metterci piede, e a piantarci la bandiera nazionale, sono stati loro. I due agenti reclutano dunque un soldato che, dietro lo pseudonimo di Kevin Pinelli e un marcato accento milanese, nasconde un’identità sarda: si chiama infatti Gavino Zoccheddu e la Sardegna ce l’ha dentro. (www.trovacinema.it)
“La scena più commovente del film (e inaspettata, in quel contesto comico) è l’incontro fra Gavino e i sardi che, nella storia dell’isola, hanno saputo resistere per portare avanti la loro originale visione del mondo. Spassose invece le gag sulla “camminata del latitante” e l’esame di sardità di Gavino. E Zucca conferma il suo talento registico nella composizione accurata delle inquadrature e nella fluidità con cui la cinepresa accompagna i suoi personaggi, rispettando le caratteristiche individuali di ognuno: la legnosità nuragica del “formatore culturale”, assai ben interpretato da Benito Urgu, come l’afflato poetico di Angela Molina, la donna per cui l’uomo che comprò la luna si è appropriato di ciò che gli americani credevano appartenere solo a loro.” (Paola Casella – Mymovies.it)

Solo cose belle: Benedetta, ragazza sedicenne è la figlia del sindaco di un paese dell’entroterra di Rimini. Un giorno un edificio, che si voleva destinare ad altri utilizzi, viene adibito a casa famiglia. Ne arrivano a far parte un papà, una mamma, un extracomunitario appena sbarcato, una ex-prostituta, un carcerato, due ragazzi con gravi disabilità, un bimbo in affido e un figlio naturale. Gli autoctoni non reagiscono bene. (www.trovacinema.it)

Inizio spettacoli: ore 21.30

Ingressi: euro 5,50 interi, euro 4,50 ridotti
(salvo diversa indicazione della casa di distribuzione).
Disponibili abbonamenti e tessere di riduzione.

Il programma potrebbe subire variazioni.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.