ALBA ADRIATICA – Botte e minacce di morte alla ex compagna, 38enne finisce in carcere. Aveva reso da qualche tempo la vita della donna un vero e proprio inferno l’uomo, A.T, originario di San Benedetto del Tronto, che non si era mai rassegnato alla fine delle relazione e aveva così iniziato a perseguitare quotidianamente la sua ex compagna, una donna di Alba Adriatica.

Percosse, pedinamenti, telefonate minacciose, sms, il 38enne non perdeva occasione per attaccare la vittima. Il tutto aggravato anche da alcune irruzioni nell’abitazione di Alba Adriatica della donna. Una situazione che ogni giorno diventava sempre più insostenibile e la poveretta, qualche tempo fa, temendo seriamente per la propria incolumità, aveva trovato la forza e il coraggio per recarsi in caserma ad Alba Adriatica e denunciare la drammatica situazione che stava vivendo da mesi.

I militari dell’Arma hanno quindi avviato subito un’indagine e proprio sulla base delle risultanze investigative, che combaciavano con quanto la donna aveva dichiarato nella denuncia, i carabinieri di Alba Adriatica avevano inviato un dettagliato rapporto in procura e ieri il gip di Teramo ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del 38enne. Così, dopo le formalità di rito, A.T è stato trasferito nel carcere teramano di Castrogno. Dovrà ora rispondere di atti persecutori e violazione di domicilio.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.