MONTEPRANDONE – C’è un fermo per il grave episodio accaduto nella serata del 18 giugno nell’entroterra ascolano dove un uomo era stato aggredito dopo un litigio con un’arma da taglio.

Qui l’articolo

Lite a Centobuchi, un ferito. 118 e Forze dell’Ordine sul posto

E’ successo a Centobuchi in via delle Magnolie dove un 65enne, di origine siciliane e con precedenti, ha aggredito con un coltello il vicino di casa, un 40enne. Lite dovuta a futili motivi, per questioni condominiali secondo le prime indiscrezioni.

L’aggressore ha inferto un fendente all’addome dell’aggredito. Quest’ultimo è riuscito ad allertare soccorsi e Forze dell’Ordine. Immediato l’intervento del personale sanitario del 118 giunto in ambulanza sul posto per le prime cure mediche e il trasporto in ospedale a San Benedetto. Il 40enne è stato sottoposto ad una delicata operazione chirurgica per evitare complicanze.

Sul luogo sono giunti i carabinieri che si sono recati dal 65enne per arrestarlo e condurlo prima in caserma e poi al carcere di Marino del Tronto. E’ accusato di tentato omicidio. Oggi, 19 giugno, si dovrebbe tenere l’udienza di convalida del fermo.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.