MONTEPRANDONE – Tre giorni di brindisi e sorrisi hanno accompagnato oltre duemila visitatori unici nella tre giorni di Fermento Marchigiano 2019, giunto alla sua terza edizione, tenutasi tra il 7 e il 9 giugno nel centro storico di Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno.

Una tre giorni che ha visto protagonista la birra artigianale, rappresentata da otto birrifici marchigiani e quattro birrifici ospiti, che hanno accompagnato le eccellenze del nostro territorio, rappresentate dagli stand gastronomici di aziende di base a Monteprandone e San Benedetto del Tronto. “Valorizzare le risorse del territorio” è il mantra che ha spinto la nascita di una manifestazione voluta dall’Associazione no profit Le Due Porte e affiancata da Marche di Birra, associazione di birrifici artigianali marchigiani riconosciuta dalla Regione Marche.

“Una terza edizione che si è conclusa positivamente ha affermato Stefano Barbizzi, Presidente dall’Associazione Le Due Porte – con un soddisfacente incremento sotto ogni punto di vista rispetto alle edizioni precedenti. Una manifestazione sia culturale, incentrata sulla produzione della birra artigianale, che turistica con l’obiettivo di promuovere il borgo storico di Monteprandone con le sue piazze, le su ruette, il suo patrimonio artistico e culturale e le sue attività gastronomiche. Si conferma ancora una volta il valore aggiunto prodotto dalla buona collaborazione tra l’Associazione Le Due Porte, la componente pubblica ed i privati che hanno lavorato per un obiettivo comune. Un grazie quindi va al Comune di Monteprandone, al Consiglio Regionale Marche e al Consorzio Bim Tronto, che anche quest’anno hanno creduto nella manifestazione, a tutti gli sponsor, alle attività aderenti, alla ProLoco agli associati ed ai cittadini di Monteprandone che hanno collaborato volontariamente per la buona riuscita dell’evento”.

Un tripudio di profumi e sapori a cui si sono perfettamente sposate le note effervescenti delle migliori e conosciute band locali, selezionate da Massimo Croci della Seventeen eventi,” che hanno fatto da colonna sonora nelle piazze affollate da famiglie e bambini, che in questa terza edizione, grazie anche alle istituzioni locali, hanno potuto usufruire anche di una area a loro dedicata nella piazzetta antistante la sala consiliare del piccolo comune marchigiano. La tre giorni di festival è stata accompagnata dall’arte con la Mostra Fotografica di Alessia Spina e la Mostra d’arte contemporanea Spazio Mohoc, di Nazareno Luciani. Un forte seguito ha accompagnato le degustazioni guidate dall’ottimo Luca Di Saverio e i due ‘Aperitivi Contadini’ che hanno visto eccellere una birra nata per questa terza edizione – ‘The Girl from IPAnema’ – e i prodotti delle tre aziende che hanno creduto in questa manifestazione:  Felicioni Antica Macelleria, Il Transumante e Filotei Group. Una tre giorni che si è chiusa con la  “Eagle Fun Race”, la corsa amatoriale di 3,5km organizzata in collaborazione con la Palestra Eagle di San Benedetto del Tronto, conclusasi con la premiazione dei primi tre classificati.

Una manifestazione che ha animato il centro storico di Monteprandone e che cresce ogni anno in termini di seguito . L’appuntamento è quindi per la quarta edizione, con la speranza e l’augurio che Fermento Marchigiano continui ad ambire ad essere uno degli eventi cardine della nostra regione prima dell’inizio ufficiale della stagione estiva.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.