SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Altro giro altra corsa. Come ogni anno, alla fine di una stagione e verso l’inizio della successiva i tifosi di Serie C si interrogano sulla composizione dei gironi del campionato.

Verrà confermato il criterio geografico anche quest’anno? Se la lega di C dovesse continuare a usare gli stessi parametri degli anni precedenti dividendo l’Italia in tre tronconi Est, Ovest e Sud c’è il rischio che la Samb possa essere inserita nel Girone C.

Al momento il girone Sud si compone di 18 squadre, che sono: Avellino, Bari, Casertana, Catania, Catanzaro, Cavese, Foggia, Monopoli, Potenza, Reggina, Rende, Rieti, Picerno, Sicula Leonzio, Siracusa, Vibonese, Virtus Francavilla, Viterbese. Un girone certamente di ferro e basti pensare a squadre come Foggia e Bari ma anche il Catania deluso dalle sorti dei playoff.

Mancherebbero dunque 2 caselle per completare il quadro e molto dipende dalle situazioni in sospeso in B e in C e che potrebbero aumentare o diminuire le chances della Samb di essere inserita nel girone Sud. Ad esempio lo spareggio per la permanenza in B fra Salernitana e Venezia e ancora i playoff di serie C che vedono in corsa il Trapani e i playout che invece vedono impegnate Lucchese e Bisceglie con i toscani che hanno vinto l’andata grazie a un gol proprio dell’ex Samb Lorenzo Sorrentino.

In uno scenario in cui la Salernitana dovesse salvarsi, il Trapani salire in B e il Bisceglie scendere in Serie D le probabilità per le squadre più a Sud del girone B come Samb, Teramo e Ternana di doversi accomodare nel girone C aumenterebbero.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.