GIULIANOVA – Pensava di essere riuscito ad eludere i controlli il proprietario di una barca che, il 29 maggio, rientrando in porto a Giulianova, ha subito i controlli del personale del Nucleo Controllo Pesca della Guardia Costiera locale.

Il peschereccio aveva occultato un significativo quantitativo di vongole della specie “chamelea gallina”, 80 chili eccedenti i 400 chili, quantitativo massimo giornaliero autorizzato, nei locali di poppa dell’unità, specificatamente in sala macchine, all’interno di un gavone apparentemente bullonato con finti bulloni saldati, solo alcuni dei quali invece si sono rivelati agli ispettori come amovibili.

Il comportamento sospetto non è sfuggito però agli occhi dei militari che, dopo i primi controlli di routine, hanno capito che quella cassa in sala macchine nascondeva qualcosa. A conclusione dell’attività di controllo è scattato così il sequestro del prodotto ittico pescato illegalmente oltre all’elevazione del previsto verbale amministrativo a carico del comandante del peschereccio.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.