SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La sigla sindacale Usb Ascoli Piceno, attraverso Francesco Bracciani parla di futuro incerto e preoccupazioni per i 180 lavoratori di Coop Alleanza 3.0. del centro commerciale Porto Grande di San Benedetto.

“Le informazioni, peraltro molto scarse e poco puntuali fornite dall’azienda ai lavoratori in relazione ad una probabile Cassa Integrazione e al sicuro ridimensionamento degli spazi del punto vendita, aumentano lo stato di incertezza in cui versano i 180 lavoratori dipendenti” scrive la sigla dice anche di essere stata esclusa dal confronto sindacale “riservato solo a Cgil e Cisl”.

“Il piano di ristrutturazione aziendale, fino a prova contraria” scrive Bracciani “dovrebbe determinare cospicui licenziamenti e stupisce che Coop si neghi al confronto con una sigla sindacale come Usb, delegata a rappresentare i lavoratori. Coop Alleanza 3.0 dovrebbe scoprire le carte e spiegare ai lavoratori cosa realmente bolle in pentola e come concretamente intende gestire una ristrutturazione aziendale che ha quale oggettivo ed incontestato elemento principale il ridimensionamento del sito di San Benedetto del Tronto, con conseguenti esuberi di personale” continua la nota pubblicata sul portale nazionale di Usb (clicca qui).


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.