SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riviera ed entroterra nel mirino delle Forze dell’Ordine per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti.

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno lungo la dorsale adriatica ha dato corso ad una serie di controlli coordinati, volti a contrastare lo spaccio delle sostanze stupefacenti.

L’attivitàm rientrante nell’ambito delDispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti”, ha consentito di pervenire a due significativi risultati operativi attraverso posti di controllo stradale istituiti lungo le principali rotabili della costa, finalizzati anche a garantire la sicurezza dell’utenza, prevenendo, infatti, le potenziali condotte di guida sotto l’effetto di droghe.

Il primo risultato è arrivato dalla Compagnia di San Benedetto del Tronto, dove i militari, a seguito delle insistenze dei due cani antidroga Escobar e Denzel, hanno sottoposto a controllo un ventiquattrenne sambenedettese, rinvenendo 50 grammi di marijuana e 9 grammi di hashish: denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria di Ascoli Piceno.

Al secondo risultato è pervenuto il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ascoli Piceno nel corso di un’attività di presidio delle vie di comunicazione poste a nord della costa picena sino a Cupra Marittima.

Ed è proprio in tale comprensorio che l’intuito investigativo delle Fiamme Gialle ha determinato l’avvio di un’osservazione e di un inseguimento occulto nei confronti di un’autovettura, i cui movimenti sono stati interpretati da subito “atipici”: dopo poche centinaia di metri, i militari hanno quindi affiancato l’autovettura, accompagnandola verso una vicina area di sosta.

A causa dell’atteggiamento nervoso del conducente e del forte odore acre tipico della marijuana persistente all’interno dell’auto, i militari hanno proceduto alla perquisizione personale del soggetto, rinvenendo sulla persona circa 6 grammi di marijuana. L’operazione si completava attraverso la successiva perquisizione domiciliare eseguita presso la residenza del fermato, un ventiduenne di Cupra Marittima, che consentiva di sequestrare 800 grammi di altra marijuana, 11 grammi di hashish, un bilancino di precisione e materiale tipicamente usato per il confezionamento di dosi.

Tra il materiale sequestrato, i militari hanno rinvenuto anche un utensile d’uso domestico per il confezionamento “sottovuoto” (da qui il nome dell’operazione) di prodotti alimentari, nella circostanza invece utilizzato per la sostanza stupefacente, sì da conservarne inalterate le proprietà organolettiche; una precauzione adottata anche per il trasporto al dettaglio delle dosi, conservate, infatti, in più barattoli provvisti di valvole di sfiato, appositamente fabbricati, sempre per uso domestico, per meglio mantenere gli alimenti.

L’uomo è stato tratto in arresto e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Fermo.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.