AGGIORNAMENTO di poco fa che conferma il nostro pensiero, sull’eventuale inserimento con Arturo Romano nella trattativa del gruppo Rapullino, che ha inviato alla stampa la seguente nota. “La famiglia Rapullino smentisce le voci apparse su diverse testate online relative ad una trattativa per l’acquisto del Club calcistico Sambenedettese. Luigi Rapullino afferma che nelle settimane passate ha avuto un incontro con Arturo Romano, stimata persona con cui intrattiene ottimi rapporti, per l’ eventuale acquisto della Samb. Immediatamente aveva manifestato a Romano l’assenza di interesse a rientrare nel mondo del calcio. Continua Rapullino dicendo: “Non abbiamo mai avuto il piacere di incontrare il Presidente della Sambenedettese. Se un giorno volessimo avviare trattative per l’acquisto della Società lo contatteremmo direttamente. Un eventuale ritorno nel mondo del calcio sarebbe fatto da soli, come
imprenditori e come famiglia. Non crediamo alle cordate che, in questo mondo hanno vita breve.

San Benedetto del Tronto – Tante notizie intorno alla Sambenedettese Calcio e al suo futuro. Tutte hanno un punto di verità ma sono circondate da illazioni e presunte certezze che tali non sono.

Per esempio è vero l’interesse di Augusto Paris, ex dell’Avezzano “Società dalla quale mi dimetto per tutelarla dagli attacchi a cui sono sottoposto come avvocato”, dichiarò al Messaggero il 17 settembre dello scorso anno. È anche vero che non intende rilevare l’intera società bensì soltanto una parte (20-25%). È invece assolutamente falso che abbia già raggiunto l’accordo e andrà a firmare con Franco Fedeli, perché la sua visita di lunedì prossimo a Pomezia è semplicemente interlocutoria. “Non ho dato nessuna parola né tanto meno accettato la proposta del legale abruzzese. Sapessi quante persone mi hanno cercato per prendersi la Samb, c’è la fila ed io, anche se sono disponibile a lasciare, se non vedo soldi veri sul tavolo e se non sono certo dell’affidabilità di chi compra resto a San Benedetto. In tal caso a fine maggio verrò per una conferenza stampa chiarificatrice. È anche vero però che c’è la fila per farmi acquistare altre squadre, in primis l’Aquila”.

Alla mia domanda: prenda lei L’Aquila e lasci la gestione totale della Samb a suo figlio Andrea, un connubio che potrebbe far crescere entrambe le società, ha risposto con un “Eddai”. Io non la vedrei invece una cosa tanto strana.  Per più motivi.

A proposito di industriali o presunti tali che starebbero facendo la fila per togliere la sambenedettese alla famiglia Fedeli, lunedì dovrebbe esserci sempre a Pomezia un incontro con un emissario e con lo stesso Roberto Felleca, presidente del Como che ha riportato in serie C il mese scorso e subito ceduto: “Ho ceduto le quote alla Sent Entertainment Ltd, società di media e intrattenimento con sede nel Regno Unito” scrive l’Unione Sarda.it. Al prezzo di quasi due milioni, debiti compresi.

Se non vedo i soldi sul tavolo o con una fidejussione vera, la Samb resta alla mia famiglia. Non ho alcuna intenzione di mettere nei guai una squadra, una città che ritengo, nonostante qualche dispiacere, la più bella tappa sportiva della mia vita”. Gli ho risposto: io mi auguro che diventi… un giro. Quello d’Italia sta passando in questo momento a San Benedetto.

Vera anche la notizia, come del resto abbiamo riportato anche noi, di Arturo Romano (era alla Reggio Audace, ex Reggiana, e pretendente della Lucchese che non ha accettato la sua offerta) che aveva coinvolto nell’operazione Tommaso  Rapullino (titolare di un gruppo siderurgico importante). Tutto è sfumato perché si sono tirati indietro per motivi che potremmo conoscere a breve.

Conclusione: tutto è in alto mare ma la mia sensazione è che Franco Fedeli e la sua famiglia lascerebbero la Samb con grande rammarico e dispiacere  ma mai a persone poco affidabili e quindi soltanto per incassare denaro. Una garanzia che non può che far piacere a tutta la riviera e a tutti gli sportivi e tifosi rivieraschi. Garanzia non da poco con i tempi che corrono.

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.