SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è riunito stamane, 12 maggio, nella sede del Gruppo comunale di Protezione civile a San Benedetto , il tavolo tecnico convocato dal sindaco Pasqualino Piunti per definire le misure da adottare in concomitanza con l’allerta arancione per criticità idrogeologica e gialla per le altre criticità diramata dalla Protezione civile.

È stato deciso che sarà istituito un presidio dei volontari di Protezione civile in coordinamento con il comando di Polizia Municipale fino alle 3 del mattino, cioè nel periodo a maggior rischio di precipitazioni intense secondo gli ultimi bollettini meteo.

Dalle 6 di domattina, 13 maggio, saranno in servizio le pattuglie della Polizia municipale mentre sarà costantemente reperibile, per le rispettive competenze, personale di Settore Lavori pubblici, Ciip e Azienda Multi Servizi. Il tutto per controllare il territorio comunale, soprattutto nei punti a maggior rischio di allagamenti.

È stato deciso infatti che il personale in servizio procederà in caso di criticità a chiudere senza indugio alla circolazione le aree interessate da allagamenti, con particolare attenzione per i sottopassi.

In ogni caso, dal sindaco Piunti e dai tecnici è venuto ancora una volta l’invito a spostarsi , in caso di forti precipitazioni, solo se veramente indispensabile e comunque a prestare attenzione alle condizioni delle strade e dei sottopassaggi.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.