FERMO – Nel pomeriggio del 10 maggio i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Fermo e della Compagnia di Civitanova Marche, da un meticoloso sopralluogo eseguito lungo la strada Brancadoro in località Casette d’Ete del Comune di Sant’Elpidio a Mare, rinvenivano lungo i margini della carreggiata le armi ed altro materiale utilizzato dai rapinatori per il colpo perpetrato  al deposito di logistica “Renzi Group srl” di Casette d’Ete, avvenuto nel corso della serata precedente.

Qui l’articolo

Ditta di spedizioni rapinata con armi da fuoco. Cinque arresti, i dettagli

I malfattori, nel corso della fuga, evidentemente accortisi della presenza dei Carabinieri, si sbarazzavano dello “scomodo” materiale in loro possesso, disperdendolo lungo la strada.

L’attenta ricerca ha quindi permesso il rinvenimento di 4 pistole semiautomatiche a salve prime di tappo rosso, cal. 8 e 9, i relativi caricatori, 20 cartucce a salve, 1 coltello di 24 cm., 2 passamontagna, 6 scaldacollo, oltre a guanti, berretti, e 50 fascette da elettricista analoghe a quelle utilizzate dagli autori per immobilizzare gli impiegati della ditta.

Un’ulteriore pistola a salve veniva recuperata e consegnata ai Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche da una guardia giurata di un istituto di Vigilanza della zona, rinvenuta sempre sulla predetta arteria.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro a disposizione della Procura della Repubblica di Fermo e Macerata per gli ulteriori accertamenti di natura tecnica che vorranno disporre al fine di giungere all’identificazione degli altri complici riusciti a sfuggire alla cattura, oltre a fornire riscontri alle persone fermate.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.