GROTTAMMARE – Vessillo (ri)conquistato.

Bandiera Blu numero 21 per la città di Grottammare. Questa mattina a Roma, 3 maggio, nella Sala Convegni del Consiglio Nazionale delle Ricerche, si è svolta la cerimonia di presentazione delle Bandiere Blu 2019, nel corso della quale sono stati premiati 183 Comuni (175 nel 2018).

All’incontro, convocato dalla Foundation for Environmental Education, l’organizzazione internazionale no-profit, con sede in Danimarca, che promuove le buone pratiche per l’educazione ambientale, hanno preso parte il sindaco Enrico Piergallini e l’assessore alla Sostenibilità ambientale Alessandra Biocca:  “Conseguire per il ventunesimo anno la Bandiera blu non significa potersi fermare. Anche oggi nella grande sala piena di Comuni virtuosi abbiamo raccolto idee per migliorare ancora di più il nostro ambiente e i nostri servizi. Se questo riconoscimento non svolgesse, per chi lo consegue una funzione propositiva di stimolo e di visione, sarebbe una semplice bandiera di tessuto”.

Ogni anno le amministrazioni comunali devono dimostrare, oltre al mantenimento degli standard già raggiunti, la capacità di stare al passo con gli  obiettivi stabiliti di volta in volta dalla Fee. Non è solo la qualità eccellente delle acque o una bella  spiaggia, infatti, a fare la differenza. La Bandiera blu sta a significare che un certo territorio ha avviato un percorso di sostenibilità ambientale a 360 gradi e lo conduce con regolarità.

Difendere il titolo di Comune Bandiera Blu, senza interruzione dal 1999, è un impegno costante: l’assegnazione della Bandiera Blu avviene secondo procedure molto stringenti, che seguono il protocollo Uni-En Iso 9001-2008. Le località vengono prima selezionate da una giuria internazionale e poi da una nazionale, fase in cui con la Fee collaborano numerosi enti, dal ministero dell’Ambiente a quello della Cultura e del turismo, passando per il Comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, l’Ispra, il Laboratorio di oceanologia ed ecologia marina dell’università della Tuscia, il Consiglio nazionale dei chimici e l’Anci.

La Foundation for Environmental Education (Fondazione per l’Educazione Ambientale) fondata nel 1981, è un’organizzazione internazionale non governativa e non-profit con sede in Danimarca.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.