SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito una nota del presidente della Provincia Sergio Fabiani.

In merito agli appunti rivolti alla Provincia da parte del vicesindaco Andrea Assenti con riguardo alla sopraelevata Strada Provinciale 227 ed ai parcheggi in zona Sentina, ritengo opportuno fare alcune doverose precisazioni sopratutto per la trasparenza legittimamente dovuta ai cittadini di San Benedetto del Tronto.

Innanzitutto, il vicesindaco Assenti le lettere dovrebbe leggerle tutte e non solo quelle che “gli servono” e ritiene utili per difendersi dalle rimostranze dei propri cittadini. Ma andiamo con ordine: la vicenda della riqualificazione delle aree sottostanti la sopraelevata Provinciale 227, come Assenti ben sa, è stata oggetto di uno scambio di comunicazioni tra lo stesso Comune e la Provincia, non solo anche di un tavolo tecnico tenutosi nell’ottobre dello scorso anno.

Non so come i pur bravi tecnici comunali abbiano potuto verificare la struttura della sopraelevata (a vista?) le campate (quali?) e a fornire all’amministrazione ed ai cittadini “esiti rassicuranti”.

La Provincia, proprio in conseguenza di quanto deciso nel corso dell’incontro a cui era presente il Comune di San Benedetto, ha prontamente affidato un incarico specifico per la verifica di dieci campate della sopraelevata.

Il risultato della verifica, consegnato proprio in questi giorni, ha rilevato che le strutture non presentano difetti tali da pregiudicarne la sicurezza statica, ma che tuttavia sono necessari lavori di risanamento o di riparazione degli elementi ammalorati in cemento armato.

La Provincia, sempre attenta alle migliori esigenze di salvaguardia della sicurezza e alle modalità di rafforzamento della stessa, ha ottenuto un finanziamento dal Mit per un importo di circa 800 mila euro specificamente destinato alla sopraelevata Strada Provinciale 227. Proprio in forza di questo intervento, l’Ente Provincia conta di poter riqualificare al più presto l’infrastruttura in funzione soprattutto di preservare la sicurezza delle aree sottostanti.

E veniamo alla seconda questione, quella del contributo della Provincia per i nuovi parcheggi in zona Sentina che, sempre secondo il “distratto” vicesindaco Assenti, non sarebbe ancora stato erogato.

La “lettura selettiva” della documentazione da parte di Assenti probabilmente gli ha fatto saltare il passaggio in cui si dice che la Provincia destinerà a quei lavori le “somme dovute dal Comune di San Benedetto del Tronto per partecipazione agli oneri logistici e finanziari delle sezioni circoscrizionali e dei recapiti periodici e delle sezioni decentrate riferiti all’articolo 3 comma 1 della legge 56 del 1987”. Stiamo parlando di oltre 115mila euro. Ciò significa che il Comune è in debito nei confronti della Provincia e non viceversa.

Pertanto, quando come annunciato sulla stampa il vicesindaco inviterà in Municipio il presidente del comitato di quartiere Marco Alessandrini, per sottoscrivere insieme un documento di sollecito per l’adempimento di quanto previsto, è bene che la lettera sia però recapitata al giusto destinatario. Non quindi la Provincia di Ascoli Piceno, ma bensì il sindaco di San Benedetto del Tronto, l’Ente deputato a erogare la somma necessaria per l’intervento.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.