SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Trambusto in Riviera nel pomeriggio del 7 aprile. Secondo le prime indiscrezioni e testimonianze un’auto avrebbe tamponato diversi mezzi sul lungomare direzione nord.

Anche uno scooter sarebbe stato colpito dal veicolo impazzito.

È intervenuta la Polizia che avrebbe fermato il conducente, all’altezza del giardino sull’Albula.

Una persona in bici ha tentato di fermare il pirata della strada, e di prendere la targa, rischiando di essere investito, però ha comunque contribuito a rallentarlo prima del fermo eseguito dai poliziotti. Decisivo l’intervento di due agenti fuori servizio che erano nei paraggi, Ispettore Sup di San Benedetto e Ispettore Sup della Questura di Catania , che con sangue freddo hanno evitato conseguenze peggiori data la massiccia affluenza di persone in quel momento.

Anche un’ambulanza sul posto. Per fortuna non ci sarebbero conseguenze gravi a persone ma solo danni alle vetture rimaste coinvolte dalla “follia” del guidatore.

Accertamenti in corso per capire il perché del gesto sconsiderato che poteva causare conseguenze ben peggiori.

AGGIORNAMENTI Il conducente è risultato ubriaco. Secondo i primi accertamenti era al volante in stato di ebbrezza alcolica.

Il “pirata”, italiano di Grottammare, attualmente è indagato in stato di libertà e nelle prossime ore arriveranno, probabilmente, anche le denunce dei proprietari dei mezzi danneggiati. Municipale e Polizia stanno compiendo i rilievi.

Ferito lievemente il 73enne in sella allo scooter colpito dall’auto. Un impatto “provvidenziale” dato che la macchina stava andando verso il marciapiede, dove erano presenti delle persone. Dopo l’urto il veicolo ha ripreso la marcia prima di essere fermato dai due agenti fuori servizio. Il “pirata” ha rallentato e ne hanno approfittato per aprire la portiera e spegnere la macchina togliendo le chiavi dal cruscotto.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.