MONTEPRANDONE – Di seguito una nota del Movimento Cinque Stelle di Monteprandone.

Purtroppo non possiamo più nasconderci, quest’oggi (martedì 26 marzo) era il termine ultimo per poter presentare la nostra lista sulla piattaforma Rousseau tramite l’open comuni messo a disposizione dal Movimento per velocizzare i tempi della certificazione, per poter continuare ad avere il simbolo del Movimento 5 Stelle anche per la prossima tornata elettorale. Così non è stato possibile, non siamo riusciti a dare al nostro comune l’opportunità di avere, il prossimo 26 maggio, l’alternativa politica che più si è contraddistinta al cambiamento.

La nostra è stata una decisione sicuramente non facile visto che poco più di un anno fa nel nostro comune il Movimento 5 Stelle ha portato a casa ben il 46% dei consensi di tutta la popolazione monteprandonese, ma questa volta abbiamo preferito non presentare una lista, seppur contornata da un gran consenso popolare, rimaneggiata e con poche competenze, abbiamo così preferito non richiedere la certificazione.

Questo non vuol dire che gli attivisti del Movimento 5 Stelle scompariranno da Monteprandone, anzi è un monito in più per far crescere e nascere subito un meetup, che non avendo brand politici, possa farsi valere con iniziative popolari all’interno del prossimo Consiglio Comunale.

Non ci fermeremo adesso, porteremo avanti una battaglia per far sì che nel prossimo futuro anche Monteprandone avrà una risposta competente e certa di persone pronte e volenterose al cambiamento partendo dal basso, partendo dai comuni, affinché il Movimento nazionale abbia un appoggio direttamente dai singoli cittadini.

Sarà sicuramente un arrivederci, il Movimento ormai scorre nelle nostre vene, faremo diffondere il virus del cambiamento su tutta la popolazione di Monteprandone.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.