SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tante le persone che l’8 marzo acquisteranno un mazzetto di mimosa da regalare alla propria amata. In occasione della Festa della donna la Cia Confederazione agricoltori di Ascoli e Fermo invita a fare acquisti oculati stando attenti a chi specula sulla vendita della mimosa, fiore tipico di questa ricorrenza. I prezzi, infatti, restano stabili rispetto all’anno precedente. I costi dei “mazzetti”, che vanno in base al peso, partono dagli 80 centesimi, un euro fino ad arrivare a 10 euro mentre le piante, il cui prezzo va in base alla grandezza del vaso, vanno dai 5, 6 euro fino ad arrivare a 60 euro.

“Quest’anno nonostante il caldo molte piante di mimosa sono ancora nella fase di fioritura. Non essendoci state nevicate il fiore non è stato rovinato – spiega Peppe Traini dell’associazione Cia provinciale – Anche se ancora sono tanti i fiori congelati che provengono dall’Olanda e dalla Riviera Ligure. Sono infatti pochi gli agricoltori nel territorio che si dedicano alla coltivazione di questo prodotto. Questo perché, dato il clima mite, la fioritura spesso arriva prima del previsto. Ed ecco che i produttori che lavorano anche per i centri commerciali conservano i fiori in appositi congelatori”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.