CUPRA MARITTIMA – La storica rassegna teatrale di Cupra prosegue con il terzo appuntamento, va in scena l’opera del Filosofo Cesare Catà, “Shakespeare e altre fregnacce”.

Un esperimento, quello di Catà, in cui vengono presentati in chiave sia comica sia seria i concetti filosofici presenti in alcune opere shakespeariane di carattere tragico. Lo strumento è la rappresentazione sul palco di riflessioni concernenti la natura umana di Shakespeare, le quali spesso rasentano il paradossale; un teatro nuovo, che gioca su diversi stili e interpretazioni.

Nello spettacolo Catà fa uso del dialetto fermano-maceratese per sottolineare alcuni passaggi comici, i quali vanno ad alternarsi ad altri più sottili, in inglese elisabettiano originale. Al centro di tutto c’è il concetto di “fregnaccia”, parola-chiave della lingua fermano-maceratese. Le incursioni di verace vernacolo contribuiscono ad assottigliare sempre quella differenza, cui spesso si dà troppa importanza, tra realtà e illusione.

Lo spettacolo si tiene alle ore 21.15 al prezzo di 8 euro ( biglietto intero) e 6 euro (ridotto fino a 14 anni ed oltre i 65 anni). Gli abbonamenti e le prevendite possono essere acquistate presso la Tabaccheria Massarenti in Piazza della libertà, informazioni al 0735779563.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.