SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Follia pura, quella avvenuta nella serata del 23 febbraio a San Benedetto, poco prima del match di Lega Pro fra rossoblu e i rossoverdi.

Appunto, prima di Samb-Ternana, un 46enne originario di Civitanova Marche per futili motivi si è scagliato prima contro gli stewart e poi contro i carabinieri in servizio di ordine pubblico al “Riviera delle Palme”. E’ stato arrestato per violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

L’uomo era stato fermato precedentemente dai militari e dalla Municipale su viale dello Sport mentre era in auto ed era stato sottoposto ad alcoltest che aveva dato esito positivo, con un valore di alcol nel sangue ben quattro volte superiore al limite consentito per legge.

Dopo essere stato quindi denunciato per guida in stato d’ebbrezza con conseguente ritiro di patente e sequestro dell’autovettura, l’uomo, già conosciuto alle forze dell’ordine, era andato allo stadio ad assistere all’incontro di calcio. Proprio alla vista di altri carabinieri, poiché privo del biglietto per entrare, ha ingaggiato con loro una discussione condita da minacce, prima di passare alle vie di fatto, per poi essere bloccato ed arrestato.

Il 46enne, segnalato al Questore anche per la sottoposizione a Daspo, si trova ora rinchiuso nel carcere di Ascoli Piceno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Per la cronaca, il match è terminato 2 a 0 per i rossoblu che hanno portato a casa tre punti molto importanti. Il 46enne, suo malgrado, ha portato a “casa” ben altro.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.