ACQUAVIVA PICENA – Pesce a tavola che bontà. Anche il Comune di Acquaviva ha partecipato al bando “Pappa Fish, Mangia bene, cresci sano come un pesce” per riportare il pesce fresco locale, pescato a chilometro zero o allevato nel territorio regionale, nella mensa scolastica. Bando poi vinto.

Alici, suri, moli, sgombri, vongole, pannocchie e totani ma anche la trota salmonata e fario: sono solo alcune delle tipologie di pesci e molluschi che, interpretate in ricette appetitose, arriveranno sulla tavola degli alunni a seconda della disponibilità e della stagione.

L’assessore all’Istruzione e ai Servizi Sociali Mimma Massicci e l’Assessore alla Cultura e al Turismo Barbara Riga, assieme al vicesindaco Luca Balletta sottolineano che l’iniziativa è promossa dalla Regione Marche e finanziata all’70% con fondi Statali, Regionali ed Europei Feamp (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) della programmazione 2014-2020, cui si unisce lo stanziamento del Comune, nasce proprio per incentivare un’alimentazione corretta nelle scolaresche e contemporaneamente valorizzare il mare, i suoi prodotti e la tradizione marinara che contraddistingue la Città, ma parallelamente anche il prodotto allevato nella nostra regione.

“Oltre alla somministrazione del pesce fresco locale nelle mense, il progetto si sviluppa anche a scuola con un percorso di sensibilizzazione, svolto con la preziosa collaborazione dei docenti e grazie al personale qualificato del Centro Cea “Ambiente e Mare”, riconosciuto dalla Regione Marche continua la Responsabile del Progetto, Biologa Nutrizionista Barbara Zambuchini.

La Campagna Pappa Fish condotta da Partners in Service Srl ha ottenuto il Patrocinio della Fondazione Umberto Veronesi. Una particolare menzione anche alla  dirigente della scuola “Adolfo De Carolis”, Valentina Bellini e tutto il corpo docente della Scuola dell’Infanzia di Acquaviva Picena coinvolto nelle attività educative.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.