SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Monza-Samb per poco non diventa un “caso” sportivo che fa discutere persino le aule parlamentari. Esageriamo, ma non troppo. Ma di Monza-Samb si è discusso, ovviamente in maniera bonaria, proprio a Roma, tra il senatore di Forza Italia Adriano Galliani, dirigente del Monza in quota Fininvest, e Giuseppe Ricci, presidente sambenedettese di Itb Italia, nella Capitale per un incontro con tutti i senatori di Forza Italia per discutere in merito alla Direttiva Bolkestein. E tra i vicoli acciottolati di Roma, ecco l’incontro casuale.

Ma come è possibile, la partita era finita” ha esclamato Ricci di primo acchitto, riferendosi al discusso gol di Anastasio, segnato dopo 5 minuti e 56 secondi dalla fine dei 90 minuti regolamentari e quasi un minuto dopo i 5 minuti di recupero accordati.

Ma vogliamo parlare della Sambenedettese?” ha risposto Galliani, preso un attimo di sorpresa.

“La colpa è di un giocatore della Samb – ha dato la sua versione l’ex dirigente del grande Milan di Berlusconi e amico fraterno del numero uno di Finivest, col quale ha intrapreso la nuova avventura brianzola – che quando si è fatto male è rimasto troppo tempo a terra. A quel punto l’arbitro ha fatto segno che avrebbe recuperato altro tempo e così si è arrivati al gol”.

Ognuno, si sa, nel calcio la vede a modo suo ma il simpatico incontro è anche servito un po’ a stemperare le tensioni del post-partita.

 

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.