SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Piano Regolatore Generale del Comune di San Benedetto è stato digitalizzato. Segui la diretta video di presentazione.

Il Piano Regolatore del 1985 e adeguato al Ppar del 1990, con tutte le varianti successive approvate.

Clicca qui per accedere al Piano Regolatore On Line

Presentazione Piano Regolatore digitalizzato

L'ARTICOLO https://www.rivieraoggi.it/2019/02/05/278416/il-piano-regolatore-diventa-digitale-video-in-diretta/

Posted by Riviera Oggi on Tuesday, 5 February 2019

Pasqualino Piunti, sindaco: Due sono le versioni, quelle interne per il personale con le quali si accede ad una serie di informazioni incrociandole con Catasto, Anagrafe, ed è nostra volontà di incrociarle anche con quelle Tributarie, consentirà di individuare possibili sacche di evasione tribunatia.

Ringrazio il settore Urbanistica che si è dimostrato all’altezza della città capofila che siamo e tutti i capogruppo consiliari.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone sedute

Germano Polidori, dirigente urbanistica: Riusciamo così a rendere intellegibili il Piano Regolatore in riferimento a tutte le variabili che gravitano sul territorio compresi i piano sovra ordinati. E’ già disponibile sul sito on line del Comune e si chiama Prg Online. Anche i cittadini possono richiedere informazioni ad esempio sulla propria particella di proprietà: basta inserire i dati nel sistema e si riescono ad avere tutte le informazioni dell’immobile.

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, barba e spazio al chiuso

Gionni Tiburtini, direttore servizio pianificazione urbanistica: La copia del Piano Regolatore è un originale su carta e abbiamo verificato che anche se sta chiuso in un cassetto la carta si deforma. Il primo lavoro è stato quello della digitalizzazione della base cartacea. Il Prg è Online, è un servizio che mette a disposizione il Comune ma il cittadino e i tecnici da casa possono collegarsi e accedere ad una serie di informazioni.

L'immagine può contenere: 1 persona

Il tutto tramite il Gis, coi codici ottenuti possiamo associare una banca dati relativa alle pratiche edilizie, al pagamento delle tassazioni sulla casa. Noi gestiamo due prodotti della stessa famiglia tramire la Esri, leader mondiale nel campo. Noi come dipendenti comunali accediamo ad ulteriori dati non diffondibili per questioni di privacy.

La digitalizzazione del Prg ha comportato una serie di verifiche e soprattutto riguardante l’aggiornamento di tutte le varianti al Piano Regolatore. Non è stato facile recuperare tutte le varianti, ad esempio, fatte dal settore Lavori Pubblici.

Abbiamo poi sovrapporto alla digitalizzazione di tutto il sistema dei vincoli del Piano Paesistico Ambientale Regionale e vincoli sovraordinati, il Piano Ambientale Idrogeologico, i Piani Particolareggiato degli edifici storici fatto dal Comune, i vincoli della Sovrintendenza. Tutte queste informazioni sono state sovrapposte in una banca dati on line.

Le informazioni che riceve il cittadino sono ovviamente le stesse alle quali accede il dipendente pubblico.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Oggi alcune informazioni disponibili on line saranno poi approfondite ulteriormente. Per motivi di privacy l’utente che fa una interrogazione on line sulla sua particella catastale, non viene visualizzato l’esatto contorno dell’immobile o del terreno ma una individuazione dell’area.

Teniamo presente che questa cartografia non è Google Maps, è una cartografia ricavata dal Prg e dalle varianti e da foto aeree pagate dal comune nel 2007. Quindi gli edifici dopo il 2007 non compaiono nella mappa. Molti comuni usano la cartografia regionale del 2000 e con scala 10.000, quella di San Benedetto è a scala 2.000.

Nel menu a tendina compaiono tutti gli strati che compongono il piano complessivo. Questo è uno strumento estremamente potente, ad ogni edificio possono essere associate diverse banche dati.

Piunti: Non l’abbiamo messo nel programma elettorale un nuovo Piano Regolatore perché da vent’anni viene sempre promesso e mai fatto. I nostri punti chiave sono la riduzione dell’uso del suolo e la riqualificazione delle aree adoperate.

La ripresa dell’edilizia la vedo in modo positivo perchè non ci sono attività edificatorie ma una riqualificazione che consente al Comune di ottenere introiti.

 

 

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.