MONTEPRANDONE – Cultura, turismo e conoscenza. Dal chiostro di San Giacomo, alla Chiesa Santa Maria delle Grazie, dal Museo dei Codici alla Chiesa di San Niccolò e i luoghi più suggestivi del Centro Storico di Monteprandone sono stati meta nella giornata di ieri, domenica 3 febbraio, di un gruppo di 55 soci de “Le Cento Città”, associazione culturale marchigiana che ha quale obiettivo la valorizzazione del patrimonio storico regionale.

Organizzata dal Comune di Monteprandone, la giornata è iniziata presso il Santuario di San Giacomo della Marca dove gli associati sono stati accolti da Padre Silvio Capriotti, Padre Guardiano del Convento e dall’assessore Daniela Morelli che ha curato il programma della visita.

Dopo una colazione francescana preparata dall’associazione “Santa Maria delle Grazie e San Giacomo della Marca”, è seguita la visita del Santuario, del Chiostro, della chiesa Santa Maria delle Grazie, della cappellina dove sono conservate le spoglie di San Giacomo e del vicino Museo, inserito nella Rete dei Musei Sistini del Piceno, che custodisce oggetti personali del Santo ed opere d’arte risalenti al XVI secolo.

A seguire il gruppo di turisti si è spostato nel Centro Storico di Monteprandone dove ad aspettarli in piazza dell’Aquila c’era il sindaco Stefano Stracci che nel suo saluto ha ringraziato Mara Silvestrini, presidente dell’associazione, e il dottor Mario Arezzini che ha creato il contatto tra l’Amministrazione comunale e gli associati, della loro presenza a Monteprandone.

A seguire, il professor Ernesto Travaglini ha mostrato ai turisti i preziosi volumi conservati nel Museo Civico dei Codici di San Giacomo della Marca. La visita si è conclusa con una passeggiata nelle rue del paese e la visita alla Chiesa Collegiata di San Nicolò di Bari e al Museo di Arte Sacra.

Dopo il pranzo presso il ristorante San Giacomo, la visita guidata si è conclusa nella sala Consiliare del Comune con un incontro sul tema “Innovazioni tecnologiche nei prodotti agroalimentari” a cura del professor Lino Frega.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 382 volte)