SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tutto pronto al Riviera per Samb-Giana Erminio, la quarta giornata del girone di ritorno in programma domani dalle 14 e 30. Per domani la circolazione su viale Dello Sport rimane “libera” per questa volta, visto che da Gorgonzola, per ora, non sono previsti tifosi ospiti (ma la prevendita chiude alle 19).

Giorgio Roselli, come di consueto, incontra la stampa per la classica conferenza della vigilia. “La Giana ha cambiato guida tecnica, prendendo il loro allenatore storico che ha ricompattato l’ambiente e nell’ultima partita, infatti, mi pare che abbiano fatto bene”. Che avversario ci dobbiamo aspettare? “Loro, rispetto alla Vis e al Teramo i nostri ultimi avversari, si coprono molto di più quindi sarà una partita opposta rispetto alle ultime due. Temo la partita di domani particolarmente, spero che i ragazzi la temano come me in modo che domani siano concentrati” conclude il mister.

“Voglio un’intensità di gioco al limite della follia e una grande concentrazione” dice il mister, “senza questi elementi non si va da nessuna parte anche se tutti si aspettano di vincere” prosegue mettendo in guardia l’ambiente, che dopo gli ultimi risultati, si aspetta i tre punti. La Samb deve migliorare il rendimento esterno per arrivare a fare dei playoff da protagonista? Questo viene chiesto all’allenatore che risponde: “Noi dobbiamo arrivare fra i primi dieci. Dietro di noi o con noi ci sono Monza, Feralpi e Sudtirol, secondo voi arriveranno dietro?” chiede Roselli, che liquida così l’appunto che gli viene fatto.

Sui nuovi acquisti: “Se arriva Fissore che questa categoria l’ha fatta gioca, e lo avete visto tutti martedì. Discorso diverso con ragazzi come D’Ignazio, che è un ottimo giocatore ma che deve prima capire un po’ meglio come si gioca in questo campionato e trovare intesa coi compagni. Poi potrà giocare”. Chi gioca domani? “Devo valutare diverse cose capendo quanta autonomia ha uno o l’altro calciatore” chiosa Roselli che ammette che sugli esterni verrà ricalcata la formazione di Pesaro con Celjak a destra e Rapisarda a sinistra” (“avvantaggiamo gli avversari ma sarà così” scherza il mister n.d.r.). Su Caccetta, un po’ sotto tono negli ultimi tempi: “E’ vero che l’ho allenato a Cosenza ma qui le cose che facciamo anche tatticamente sono diverse, poi lui è forse più mezz’ala che regista davanti alla difesa. Credo che possa avere qualche problema di condizione psico-fisica in questo momento. Ma ci sta, ci vuole un attimino di tempo”.

La probabile formazione

Pegorin

Zaffagnini Miceli Biondi

Celjak Rocchi Gelonese Signori Rapisarda

Stanco Calderini (Russotto)

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.