FERMO – I carabinieri di Porto San Giorgio hanno bloccato un transessuale, ponendolo in stato di fermo, per una rapina commessa.

Alle prime luci dell’alba, i militari, a Lido Tre Archi del comune di Fermo, hanno tratto in arresto un 43enne per rapina e lesioni aggravate. Il brasiliano era già gravato da precedenti di Polizia.

Nel tardo pomeriggio del 10 dicembre 2018, a Lido Tre Archi, un anziano pensionato della provincia di Macerata, a causa di un impellente bisogno fisiologico, aveva effettuato una sosta, precisamente in Via Pietro Nenni, dove era stato avvicinato da un transessuale che senza troppi indugi gli aveva proposto di appartarsi per consumare un rapporto sessuale a pagamento.

L’anziano, indignato, aveva rifiutato immediatamente la proposta ed il viados, senza pensarci, lo aveva aggredito violentemente con una bottiglia, colpendolo al capo procurandogli alcune escoriazioni e lesioni, successivamente impossessandosi del suo portafogli che conteneva i pochi suoi risparmi, fuggendo a piedi e nascondendosi nel buio di alcune traverse limitrofe, facendo così perdere le sue tracce. Circa 200 euro il bottino.

Gli elementi raccolti dai carabinieri, testimonianze e immagini delle preziosissime telecamere di videosorveglianza comunale, consentivano di identificare l’autore del gesto che veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria, che per tale gesto, trovando concreti ed inconfutabili gli elementi raccolti, emetteva misura cautela nei confronti del brasiliano,

E’ stato quindi portato nel carcere di Fermo dove rimarrà a disposizione della magistratura.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.