LEGGI LE 126 PAGINE DEL PIANO SANITARIO

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In 126 pagine tutto il futuro sanitario della Regione Marche. Vi proponiamo, infatti, un documento ufficiale che gli uffici di Ancona hanno inviato ai consiglieri regionali, specificando, però, che si tratta di un piano ancora non definitivo. I programmi, infatti, prevedono che il documento vada in Giunta a inizio prossima settimana, probabilmente il 28 gennaio (come il consigliere Federico Talè ha anticipato a inizio mese n.d.r.) per poi iniziare i passaggi in commissione Sanità e con i portatori di interesse (comuni, province ma anche sindacati e associazioni). L’approvazione dell’atto in consiglio non dovrebbe arrivare, invece, prima dell’estate 2019.

Si tratta quindi ancora di una bozza. Anche se i suoi contenuti fanno già riflettere. Il documento, infatti, programma come prevedibile anche la futura edilizia ospedaliera sul territorio. Ed è curioso vedere che tipo di ospedali la Regione prevede sorgeranno nelle cinque aree vaste. Tra le nuove strutture che Ancona programma di costruire c’è l‘Ospedale Unico di Pesaro (Marche Nord), che potrebbe aver aperto la recente diatriba anche all’interno della maggioranza consiliare di Ancona, per la qualificazione come 2° Livello dell’azienda ospedaliera Marche Nord (leggi qui la delibera). Oltre a Pesaro nuovi ospedali anche in provincia di Ancona (Ospedale Unico Ancona Sud), l’Ospedale Unico dell’Area Vasta 3-Macerata, un ospedale “Nuovo” in provincia di Fermo e uno “Unico” in quella di Ascoli (vedi l’estratto sotto).

Se le indicazioni dovessero restare queste (ricordiamo che per la stessa Regione questa è ancora una bozza) resta chiaro che c’è un conflitto con quanto dichiarato dallo stesso Ceriscioli, che ai nostri microfoni (clicca qui) aveva aperto a due strutture conviventi nel Piceno, e non una unica.

 

A commentare il documento, che proprio lui ha fornito alla nostra redazione, è Peppe Giorgini, consigliere dei 5 Stelle. Che in merito al nuovo ospedale che a quanto pare potrebbe restare “Unico” dice: “Se Ceriscioli inizia a fare i carotaggi a Pagliare spreca solo soldi pubblici perché noi a Pagliare l’ospedale non glielo faremo fare” tuona il pentastellato: “Questi sono i motivi per cui nel 2020 i cittadini marchigiani rimanderanno Ceriscioli a casa”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.