GROTTAMMARE – Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa del sindaco di Grottammare Enrico Piergallini.

Grazie all’impegno di moltissime persone, tutto è andato tutto per il verso giusto: dopo le vacanze, la maggior parte degli alunni della scuola Speranza è rientrata nell’edificio di via Garibaldi, come l’Amministrazione comunale aveva previsto.

La pausa natalizia è servita anche per eseguire i lavori di manutenzione nel plesso di via Battisti, che presentava in alcune parti fenomeni di infiltrazioni di umidità. Anche questi interventi erano stati programmati e sono stati compiuti.

Appare, quindi,  particolarmente puerile il tentativo delle opposizioni di “mettere il cappello” su questi interventi. Nelle settimane precedenti, alcuni consiglieri di minoranza non hanno fatto altro che spargere finti allarmismi sulla sicurezza delle nostre scuole, confondendo il ruolo di una opposizione propositiva con quello di una campagna elettorale.

A danno delle scuole non si fa speculazione politica; con le scuole si fa programmazione e quello che è stato fatto in queste ultime settimane rispecchia proprio la capacità dell’amministrazione di tenere fede agli impegni presi.

Anche i consiglieri di minoranza possono capire che i lavori nella scuola dell’infanzia di via Battisti attendevano la pausa natalizia per poter essere eseguiti: i bambini dovevano essere ovviamente fuori dell’edificio. Così è stato: abbiamo impegnato le risorse necessarie (1459,12 euro Iva inclusa) e affidato l’intervento a un’impresa (Pitture Chic di Rosati Gianluca), che ha realizzato le opere di isolamento e relativi altri lavori minori nei giorni di chiusura, nelle quattro aule che presentavano criticità. Inoltre, stiamo programmando per l’estate un intervento più complesso che potrebbe risolvere il problema definitivamente.

Danneggiare il buon nome delle nostre scuole per una questione di manutenzione ordinaria come questa è un atto indegno di un’opposizione responsabile. Mi auguro che il nuovo anno porti maggiore saggezza.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 484 volte)