CUPRA MARITTIMA – Mancano ancora sei mesi alle prossime elezioni comunali cuprensi, ma si sa, i botti si sentono sempre a capodanno. Il decennio D’Annibali sta per entrare nel suo periodo conclusivo e già ci si domanda quali siano le novità che attendono i cuprensi alla prossima tornata elettorale. La prima, considerabile più un tuffo nel passato che una novità, ce la porta l’ex assessore Luca Vagnoni, il quale si riaffaccia alla politica dopo la rottura con l’attuale amministrazione avvenuta nel 2015 e rende pubblica la sua volontà di candidarsi a sindaco.

Dichiara Vagnoni: “A Cupra serve voglia di fare, serve qualcosa di bello e di nuovo, ma anche di ordinario e costante. Questo è l’input che mi ha convinto a candidarmi alle prossime elezioni comunali. Ciò che posso oggi garantire è che sto lavorando per creare una squadra di persone di valore, pronte a dare il massimo per migliorare questo paese”.

L’ex assessore focalizza poi l’attenzione sui temi che saranno oggetto del suo programma, le criticità e quello che secondo lui dovrebbe fare una buona amministrazione. Vagnoni accende ufficialmente i riflettori su Cupra Marittima, animando già da oggi la futura campagna elettorale.

“Il nostro è un paese con delle potenzialità pazzesche – dichiara l’ex assessore – un territorio che in molti ci invidiano, ma che non viene valorizzato a sufficienza. Sui giornali non si legge quasi mai di Cupra; come se non esistesse, come se non ci fosse più qualcosa di interessante da raccontare”.

“Il turismo necessita di una pianificazione attenta, fatta di interventi e di iniziative volte a valorizzare il mare, le colline, la storia, il cibo e il Paese Alto, con i suoi scorci mozzafiato, ma altrettanto ricco di problematiche da risolvere. Solo lavorando in sinergia con la Regione, con esperti di settore, con gli albergatori e i balneari stessi, con i paesi vicini, si possono pianificare strategie di promozione adeguate ai tempi. C’è bisogno di incrementare il senso della comunità tra i cittadini cuprensi, il piacer di stare insieme; mancano però strutture e spazi di aggregazione idonei”.

“Un’altra priorità – conclude Vagnoni – è ampliare le collaborazioni con le varie associazioni del nostro comune, confrontarsi, per vedere insieme come migliorare Cupra Marittima. In realtà questo è un punto di partenza per ampliare qualsiasi tipo di condivisione e di partecipazione”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 5.446 volte)