GROTTAMMARE – La razionalizzazione delle società partecipate, obbligo annuale previsto dal Tusp, apre l’ultimo Consiglio Comunale, giovedì 27 dicembre, alle ore 18, con l’analisi della situazione dell’ente riferita al 31 dicembre 2017. Riguardo alle società, il comune ne conta quattro a partecipazione diretta, di cui una in liquidazione e tre a partecipazione indiretta. Si tratta rispettivamente di: Picenambiente spa, Ciip spa, Picenambiente srl (la cui cessione delle quote è stata perfezionata i primi del 2018 quindi non è esclusa dall’attuale analisi) e Riviera delle Palme S.C. a R.L. (in liquidazione), Picenambiente Energie spa e Hidrowatt spa.

Rientra nell’ambito finanziario il punto relativo alla nomina del collegio dei revisori dei conti. Il Consiglio comunale è chiamato a ratificare i nuovi componenti del collegio, la cui nomina è compito dalla Prefettura.

Tornano all’attenzione del Consiglio anche le due varianti puntuali al Piano Regolatore Generale.

Nel primo caso, si tratta dell’approvazione finale del cambio di destinazione d’uso, da turistico-ricettiva a residenziale, dell’immobile che fino agli anni ‘90 ospitava la Pensione Parco, sul Lungomare della Repubblica, e per il quale il richiedente ha offerto un contributo straordinario di 100mila euro.

Nel secondo caso si fa riferimento all’adozione definitiva del cambio di destinazione urbanistica dell’area un tempo occupata da un istituto di istruzione e che per la quale è richiesta la previsione a tessuto prevalentemente residenziale. La variante comporta la riduzione della volumetria da circa 15.000 metri cubi a 9.000 mc e la contestuale riduzione della fascia di rispetto autostradale, limitatamente alla zona in esame, da 60 a 30 metri lineari. Con la variante, viene ripianificata un’area ubicata in zona San Martino, sulla quale il vigente PRG prevedeva una destinazione non più attuabile (l’istituto scolastico privato, infatti, si è dapprima trasferito nel vicino comune di Ripatransone e successivamente è stato chiuso). Il contributo straordinario del privato è di 250.000 euro.

In chiusura di seduta, il Consiglio affronta l’accorpamento al demanio stradale comunale di terreni di proprietà privata. I lavori dell’assise possono essere seguiti nella Sala consiliare o in diretta web tramite il canale “Comune di Grottammare” di YouTube.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.