SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb di Roselli, con la vittoria per 1-0 sul Rimini, inanella il sesto risultato utile consecutivo salendo, con 22 punti, all’undicesimo posto in classifica, una posizione che tiene fuori i rossoblu dalla zona playoff per un soffio. Al decimo posto, l’ultimo utile per accedere all’off season, c’è infatti il Vicenza che resta l’unica squadra (con l’1-0 del Menti) ad aver battuto la Samb nelle ultime dieci giornate di campionato.

La svolta è netta per i rossoblu e assume ancora più valore per i tantissimi giocatori che nelle ultime settimane affollano l’infermeria. Una svolta che, a guardare i numeri, nasce principalmente dalla difesa. La Samb non subisce gol o ne subisce pochissimi. Nelle ultime sette partite, infatti, le reti subite dai rossoblu sono state appena due. Nelle ultime dieci sei, con la sola Vis Pesaro (3 reti incassate) ad aver fatto meglio.

Merito probabilmente dell’assetto tattico, passato definitivamente a un 3-5-2 molto più equilibrato degli esperimenti di inizio stagione con la linea a quattro. Merito anche di acquisti nuovi e quasi nuovi. Pensiamo a Celjak ad esempio, inseritosi subito in gruppo. Oppure a Pegorin che è tornato alla grande a difendere i pali della Samb, mettendo in mostra progressi enormi.

Questa Samb ha nettamente, nitidamente risalito la china di una stagione che sembrava drammatica dopo le prime sei partite, quando i rossoblu erano in fondo al tabellone con appena due punti in classifica. La partenza a handicap non permette ancora ai tifosi rossoblu, le cui ambizioni puntano in alto, di sorridere. Ma alcune osservazioni consentono lo stesso di guardare al futuro con più ottimismo.

La Samb, se si prendono a campione le ultime sei partite, che sono coincise con altrettanti risultati utili, occupa il secondo posto in classifica e, con 14 punti, sarebbe seconda alle spalle del solo Pordenone che di punti, nella stessa striscia, nel ha fatti 16. Un trend che porterebbe la Samb in zona d’altissima classifica visto che il secondo posto darebbe l’accesso alla fase nazionale dei play-off. Ma anche guardando un campione più ampio, allargato a dieci partite, ci sarebbe da sorridere. Dalla partita contro l’Imolese dello scorso 17 ottobre, coincidente anche con la prima vittoria della stagione, i rossoblu hanno infatti racimolato 19 punti che consentono alla squadra di Roselli di occupare ancora una volta la seconda posizione in classifica, stavolta però in coabitazione con Vis Pesaro e Triestina dietro sempre al super-Pordenone.

La classifica della Samb se si guardano le ultime 10 partite

In tutto questo discorso c’è il rilievo che la Samb ha una partita in meno rispetto a 9 squadre sulle dieci che la precedono. Si tratta della gara di Terni che i rossoblu avrebbero dovuto giocare contro gli umbri, posticipata per le grottesche pieghe che ha preso la governance del calcio dall’estate. Con tre punti in più i  rossoblu occuperebbero al momento l’8^ posizione.

 

 

 

 

 

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.