TERAMO – Alle ore 10 del 7 dicembre agenti del Commissariato di Polizia di Atri, nel Teramano, sono intervenuti nell’abitazione di un 30enne di Atri

Suonando al campanello dell’abitazione, notavano che dietro la porta, dotata di una parte in vetro decorato, si intravedeva l’ombra di un uomo il quale, chiaramente accortosi dei volti non conosciuti, si allontanava non aprendo l’uscio.

Solo dopo aver ripetutamente a lungo suonato, l’uomo apriva la porta.

I poliziotti, che peraltro conoscevano il 30enne, effettuavano una attenta perquisizione domiciliare che permetteva il rinvenimento di una busta di cellophane trasparente contenente cocaina, del peso di 102 grammi. L’involucro veniva trovato all’interno della grondaia del tetto dell’abitazione, da cui si poteva accedere tramite il terrazzo della cucina.

Inoltre, avendo appreso che nella disponibilità del 30enne vi era anche un appartamento in Montesilvano, gli agenti hanno raggiunto quella località trovandovi all’interno anche un bilancino di precisione ben nascosto tra alcune confezioni di biscotti in un armadio della cucina, unitamente a 14 grammi di mannitolo, sostanza da taglio solitamente utilizzata.

Il 30enne è stato così tratto in arresto per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti e, dopo le determinazioni della Procura della Repubblica, posto agli arresti presso il proprio domicilio.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 928 volte)