GROTTAMMARE – “Amore e abbraccio” per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Organizzata dalla Conulta per le pari opportunità della Città di Grottammare, l’iniziativa rappresenta un’occasione per riflettere sulla violenza di genere grazie alla collaborazione di esperti che da vari punti di vista tratteranno l’argomento.

L’appuntamento è al MIC (piano terra palazzina Kursaal), domenica 25 novembre, alle ore 17.30.

L’evento si aprirà con la proiezione di un video a cui seguiranno i saluti istituzionali. Gli interventi in scaletta tratteranno il tema della violenza sulle donne dal punto di vista della salute con la Diana Giobbi; seguirà l’approfondimento del tema a livello giuridico, con l’avvocato Patrizia Paolucci.

L’associazione Sinestesie offrirà un saggio di danzaterapia che alla fine dell’incontro condividerà anche con il pubblico presente. Nel programma anche il ricordo di una storia familiare, affidato ad Americo Marconi, mentre sarà a cura dell’associazione Tango mil Pasos l’esecuzione di tre pezzi di tango.

Con l’occasione si ricorda che presso il Comune di Grottammare è attivo lo Sportello Donna, un servizio di ascolto che risponde 24 ore su 24 alle richieste di aiuto o anche solo di consulenza su problematiche legate alla violenza di genere.  Il numero è 0735.739739.

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999. L’assemblea dell’Onu ha scelto il 25 novembre come data della ricorrenza in memoria del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. In quel giorno, i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG sono invitate a organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica.

In tutto il mondo il 25 novembre è celebrato con il colore arancione, tanto che si parla anche di Orange Day. Un Women, l’Ente delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere, lo ha scelto come simbolo di un futuro in cui le donne si saranno liberate della violenza degli uomini. In Italia, però, dove la Giornata si celebra solo dal 2005, spesso all’arancione è preferito il rosso.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.