SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Circa 20 mila metri cubi di sabbia: è questo il quantitativo che successivamente al dragaggio del porto di San Benedetto risulterebbe “senza destinazione”, considerando che altri 20 mila euro, per un totale di 40 mila, verranno destinati al ripascimento della spiaggia o depositati al largo. Ma appunto almeno la metà della sabbia non è adatta a quegli usi.

Ecco dunque che dall’incontro odierno, 13 novembre, tra il Comune di San Benedetto e i vertici dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Centrale di Ancona è emersa l’idea di depositare queste sabbie, non destinabili altrove, al raddoppio dell’esistente vasca di colmata, presente attualmente in una zona esterna del Molo Nord di San Benedetto, in modo che, si legge nella nota del Comune, “potrebbe trasformarsi in uno spazio, pur di competenza demaniale, aperto alla città, una sorta di “sea front” a nord dell’attuale bacino portuale”.

Presenti all’incontro, oltre al sindaco Pasqualino Piunti, anche il comandante della Capitaneria di Porto Mauro Colarossi affiancato dall’ufficiale  Marco Marinelli, i consiglieri comunali Emidio Del Zompo e Mario Ballatore hanno ascoltato dal presidente dell’Autorità Rodolfo Giampieri, dal segretario generale Matteo Paroli, dal dirigente tecnico Gianluca Pellegrini e dal membro dei comitato di gestione, il sambenedettese Giulio Piergallini, la strategia che l’Ente competente per la gestione del porto ha in animo di attuare.

Per questa operazione sono necessari sia un intervento di carattere normativo che consenta di variare le previsioni del Piano regolatore del porto sia uno economico: per il primo, l’Autorità prospetta l’impiego dello strumento dell’”adeguamento tecnico funzionale” suggerito dallo stesso Consiglio superiore dei Lavori pubblici come il più idoneo per apportare, senza eccessivi appesantimenti burocratici, delle modifiche al Prg che non incidono sull’assetto fondamentale dell’area portuale. Per l’aspetto economico, diventa indispensabile il supporto della Regione che ha competenza diretta in materia di infrastrutture, come si configurerebbe la nuova opera.

“Vorrei prima di tutto evidenziare la disponibilità del’Autorità ad un confronto aperto e costante – dice al termine dell’incontro il sindaco Piunti –  da tempo apprezziamo il modo operativo e franco con cui essa opera mettendosi a disposizione delle istituzioni locali. Il progetto è ambizioso ma fattibile perché da un lato risolverebbe in modo significativo il problema dell’accessibilità del bacino portuale, dall’altro aprirebbe prospettive nuove per la zona a nord del porto in termini di fruibilità degli spazi che si andrebbero a creare. Utilizzando la nostra sabbia, e non quella di altre realtà come avveniva in passato, si andrebbe a costruire uno spazio pubblico aperto sul mare. E questo assume un valore particolare se pensiamo alla recente approvazione del piano di comparto che offre la possibilità di insediare attività commerciali diverse da quelle a servizio del porto proprio dinanzi a quella zona. Per far questo però l’intervento della Regione è indispensabile e infatti ho già chiesto un incontro alla vicepresidente Anna Casini per affrontare questo ed altri temi di comune interesse”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.