MONTEPRANDONE – Il piano di controlli e servizi preventivi, messi in atto dai carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, ha portato i militari della Stazione di Monteprandone a concludere un’importante operazione che ha portato al fermo di un 40enne del posto.

L’uomo è stato arrestato per rapina, estorsione e maltrattamenti in famiglia: per mesi ha perpetrato ripetute violenze fisiche e psicologiche con episodi di vera e propria rapina ed estorsione a carico di alcuni familiari conviventi, alla ricerca spasmodica di denaro.

I ripetuti interventi dei carabinieri della Stazione, i controlli al soggetto e le denunce raccolte dai militari della Stazione di Monteprandone e dal Commissariato di Polizia di San Benedetto (tutto puntualmente segnalato all’Autorità Giudiziaria di Ascoli Piceno) ha portato la Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini a richiedere al Gip del Tribunale un provvedimento di custodia cautelare in carcere che è stato eseguito ieri, 6 novembre, ponendo così fine alle sofferenze del nucleo familiare con l’uomo che è stato condotto nel carcere di Marino del Tronto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.