SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si ricorda che è ancora possibile fare domanda per ottenere contributi a sostegno dei nuclei familiari titolari di contratto di locazione in condizione di morosità incolpevole e sottoposti a procedura di sfratto.

Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento dell’affitto per la perdita o consistente riduzione del reddito familiare per varie motivazioni (licenziamento, riduzione dell’orario di lavoro, cassa integrazione, mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici, cessazioni di attività libero – professionali o di imprese, malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito familiare).

Può accedere al contributo l’inquilino moroso incolpevole:

  1. – che abbia un reddito ISE non superiore ad euro 35.000 o un reddito derivante da regolare attività lavorativa – con un valore ISEE non superiore ad euro 26.000;
  2. – che sia destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida;
  3. – che sia titolare di un contratto di abitazione regolarmente registrato e risieda nell’alloggio da cui è sfrattato da almeno un anno;
  4. – che abbia cittadinanza italiana o di un Paese dell’Ue o possieda un regolare titolo di soggiorno;
  5. – che non sia proprietario di altro immobile adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare.

Costituisce criterio preferenziale la presenza in famiglia di ultrasettantenni o minori o persone invalide.

Le domande, compilate su appositi moduli, vanno presentate all´ufficio protocollo del Comune. Gli aiuti saranno erogati fino a esaurimento dei fondi disponibili.

Per le condizioni integrali e per la modulistica si può consultare il sito www.comunesbt.it (“sezione “Altri bandi e avvisi”) o rivolgersi all’ufficio Politiche per la casa (tel. 0735 794323/370 e mail balsamog@comunesbt.it).


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.