SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Oltre 130 tonnellate di CO2 risparmiate all’atmosfera. E’ il contributo che l’asilo Merlini darà all’ambiente, nel corso dei prossimi anni, dopo l’installazione dell’impianto fotovoltaico sul tetto della struttura di via Leopardi. L’impianto, entrato in funzione nei giorni scorsi, produrrà annualmente circa dicecimila kilowatt ora ed è stato installato sul lastricato solare che si trova sopra la scuola e che ha una superficie di circa 80 metri quadrati.

Un’installazione fortemente voluta dal presidente Alberto De Angelis che scende nel dettaglio elencando i numeri e i benefici che l’impianto porterà. “La metà dell’energia prodotta da quei pannelli – spiega – sarà autoconsumata, nel senso che l’impianto servirà fornirà corrente direttamente alla scuola». Quella metà coprirà il 70 per cento del fabbisogno del Merlini che, tradotto in soldoni, equivale ad un risparmio annuo di circa 1100 euro. “La metà restante dell’energia elettrica prodotta – continua De Angelis – viene immessa nella rete elettrica e rimborsata, annualmente, con una cifra che si aggira intorno ai 600 euro”.

L’impianto è di proprietà della società 4Energy srl che lo ha progettato e realizzato a proprie spese. L’asilo attraverso il meccanismo del noleggio operativo ne ha la disponibilità all’utilizzo per un periodo di 6 anni al costo annuo di 3500 euro (circa 293 euro al mese). L’azienda, che garantisce il funzionamento dell’impianto e la perfetta manutenzione, cederà l’impianto all’asilo a titolo gratuito al termine del periodo di noleggio. Considerando una vita utile di 30 anni, l’energia pulita prodotta dall’impianto corrisponde a 56 tonnellate di petrolio equivalente non bruciate e 132 tonnellate di CO2 in meno immesse in atmosfera.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.