TERAMO – “Grazie ai prefetti abbiamo saputo che, con le misure di limitazione del traffico pesante adottate da Strada dei Parchi, le nostre autostrade (A24-A25, ndr) sono sicure e percorribili. Nel frattempo, l’inaudita e spettacolare leggerezza con cui il ministro e il ministero si sono mossi nei giorni precedenti ha già prodotto danni molto consistenti all’economia e al turismo abruzzese”, afferma il presidente vicario della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli dopo le polemiche degli ultimi giorni su stato ed ispezioni dei viadotti.

“E’ da irresponsabili sostenere che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si sia comportato con leggerezza sul caso delle autostrade A24 a25. Forse qualche esponente politico abruzzese preferisce fare campagna elettorale piuttosto che evitare un’altra Genova”, replica il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

“Senza un intervento pronto e puntuale del dicastero, su input del Ministro Toninelli, non si sarebbero prese quelle misure minime a tutela di chi viaggia” si legge in una nota diramata dall’Ansa.

Le misure a tutela di chi viaggia prese con l’intervento del Ministero, precisa la nota, “erano ormai improrogabili, vista la gravità delle conclusioni contenute nella relazione del Ufficio ispettivo territoriale. Si è ovviato – conclude il Mit – dopo anni di inerzia e a brevissimo, grazie allo sblocco anticipato dei fondi, partiranno i progetti di messa in sicurezza”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.