SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In Consiglio Comunale tiene banco la sentenza Spinelli. Si tratta di un contenzioso giudiziario del Comune con una dipendente che è ricorsa alle vie legali a seguito di un trasferimento dagli uffici di Viale De Gasperi a quelli di Porto D’Ascoli. La lavoratrice si era appellata al Tribunale di Ascoli chiedendo un risarcimento del danno per dequalificazione professionale. Nel 2016 il primo grado condannava l’ente a pagare addirittura 300 mila euro. Oggi arriva in assise il riconoscimento del debito fuori bilancio visto che la donna ha vinto anche l’appello anche se, in questa seconda istanza, si è vista ridurre il risarcimento a 87 mila euro. Il Comune, alla fine dovrà pagare circa 1o0 mila euro se si mettono dentro anche le spese legali e le consulenze tecniche.

Mentre, probabilmente, il contenzioso arriverà anche in Cassazione come prevedibile il caso fa discutere il consiglio. Marco Curzi parla apertamente di “mobbing” mentre più dura è la presa di posizione di Giorgio De Vecchis: “Questo atto (decreto di trasferimento) è stato dichiarato illegittimo dal tribunale per ben due volte. La giunta non fa nulla e invece dovrebbe controllare perché c’è sicuramente un dirigente responsabile del trasferimento (della Spinelli n.d.r.). Perché devono pagare i cittadini?”.

 


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 785 volte, 1 oggi)