ALBA ADRIATICA – Aveva allestito, all’interno della propria abitazione, una piccola centrale di spaccio dove i tossicodipendenti della zona andavano a rifornirsi di eroina e cocaina. Il continuo viavai, però, non era passato inosservato ai carabinieri del radiomobile di Alba Adriatica che, nel pomeriggio di ieri, hanno fatto irruzione in un appartamento nei pressi della centralissima piazza IV Novembre di Alba Adriatica. All’interno dell’abitazione, i militari, diretti dal luogotenente, Antonio Camisa, hanno sorpreso Aquilino Guarnieri, 47enne di origine rom, già noto alle forze dell’ordine, mentre stava pesando una dose di cocaina che stava per essere acquistata da un tossicodipendente albanese residente a Sant’Egidio alla Vibrata. Durante la perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto oltre 10 grammi di eroina, 20 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e circa 600 euro in contanti. Il tutto è stato posto sotto sequestro, mentre Guarnieri è stato trasferito nel carcere teramano di Castrogno. Questa mattina il 47enne è comparso in tribunale per il processo direttissimo e il giudice, oltre a convalidare l’arresto, ha disposto per lui la custodia cautelare in carcere visti i numerosi precedenti specifici. Il giovane albanese sorpreso ad acquistare cocaina, invece, è stato segnalato alla prefettura come assuntore e nei suoi confronti è scattata anche una richiesta di un foglio di via obbligatorio dalla città di Alba Adriatica.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.