SAMB BASKET: Roncarolo, Ortenzi 16 punti, Robinson 2, Quinzi, Quercia 2, Buggionovo 17, Connor 16, Cesana 15, Carancini 10, Pebole 10, Correja 3. Allenatore Daniele Aniello.

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Seconda amichevole pre-campionato per la Samb Basket di coach Aniello che, in vista dell’esordio di sabato prossimo contro il Falconara per il campionato di Serie C Gold, incontra al PalaSpeca il Nuovo Pineto Basket, formazione di Serie C Silver. Un buon test per i rossoblu che dominano i primi tre quarto dovendo soltanto soffrire nell’ultimo, chiuso in pareggio.

Soddisfatto della prova coach Aniello: “Siamo in fase di preparazione e anche se vorremmo essere al massimo abbiamo ancora bisogno di tempo per reggere tutti i 40 minuti. Ma siamo pronti per il campionato, nel quale potrà dare un apporto importante anche la panchina, composta da giovani di San Benedetto così come oggi ha fatto Quinzi, che è un classe 2001 di San Benedetto”.

Il primo canestro è per il Pineto dopo 40 secondi ma poi è il guizzante Murtagh dell’avvio a mettere a segno due canestri e portare la Samb sul 4 a 2 quando mancano 8 minuti al primo quarto. Il quintetto base della Samb oltre a Murtagh prevede anche l’immancabile capitan Buggionovo come play maker e quindi Carlo Ortenzi, il pivot Davide Cesana, l’ala Matthew Pebole. Una Samb che parte molto stretta in difesa e regina dei rimbalzi difensivi, con Cesana e Pebole che dominano l’area sotto canestro (alla fine saranno ben 10 i rimbalzi di Pebole e 6 di Cesana). A metà primo quarto siamo a +5 per la Samb, 10-5. Poi è Buggionovo che prende letteralmente in mano la Samb, non solo in fase di impostazione, come gli è competenza, ma anche con due “bombe” consecutive da tre (ne metterà a segno 4 su 6): così siamo a +6 a due minuti dalla conclusione (18-12) con coach D’Aniello che sprona la difesa ad essere più guardinga mentre la girandola dei cambi disegna un quintetto tutto nuovo rispetto all’inizio, con Roncarolo, Carancini, Quercia e poi Robinson sul parquet. Primo quarto che termina 22-14.

I ragazzi di coach Aniello, parzialmente soddisfatto dopo il primo quarto a causa di alcune sbavature secondo lui da evitare, iniziano bene anche la ripresa portandosi subito sul 4-0; predominio rossoblu evidente fino al 12-2 a metà quarto e anche coach Aniello si lascia andare ad apprezzamenti verso i suoi cestisti. Pineto non riesce ad opporre resistenza difensiva ed è inoltre impreciso al tiro, consentendo a Buggionovo (intanto rientrato assieme a Murtagh e Cesana) e compagni di portarsi sul 18-4 a 3 minuti dal termine. Anche Pebole si fa notare (alla fine sarà il più presente, con oltre 32 minuti giocati): il quarto così è in cassaforte ben prima dell’ultimo minuti, quando siamo sul 23-6. Allo scadere altro numero di Bugionovo con un colpo da tre punti e finale sul 28-6.

È Ortenzi a sbloccare il terzo quarto, dopo un minuto. Dopo tre minuti se Pineto regge in parte sul punteggio (9-5), pesante è già la situazione falli del quarto: 5 a carico di Piceno, nessun fallo per San Benedetto. Situazione comunque ben definita a metà quarto (14-7) con qualche protesta di troppo di un giocatore del Pineto verso l’arbitro. Si va sul 14-10 ma sono due percussioni forsennate di Roncarolo prima e Ortenzi poi a garantire il canestro del 16-10 e riportare, a 4 minuti dal termine del quarto, la situazione in sicurezza. Pineto che dopo l’avvio nervoso ha azzerato il ricordo al fallo e si è riportato sul -6 fino ad un doppio break griffato Pebole: prima un tiro da tre su passaggio di un Roncarolo possente sotto canestro, poi raccogliendo un rimbalzo, e così la Samb va sul 23-12. C’è tempo anche per apprezzare un doppio tiro libero di successo per Carancini: affermazione della Samb per 25-14. Se fossimo in un incontro ufficiale saremmo 73-36, una differenza abissale.

Ed è invece Pineto a portarsi in vantaggio nell’ultimo quarto e poi sullo 0-4 dopo due minuti, nonostante la contemporanea presenza di Bugionovo e Murtagh. Una situazione che non si sblocca anche a causa di inusuali, per la partita in corso, errori in appoggio della Samb ed è invece Pineto ad allungare sullo 0-6 ai 3 minuti. Finalmente Ortenzi rompe l’incantesimo e si fa sentire con una bomba da tre. Ma si va sul 3-8 quando mancano 6 minuti, con Pineto galvanizzato dall’inatteso vantaggio tanto da portarsi sul 3-11 ai 5 minuti. Errori di Murtagh in attacco e si va a -10, 3-13. Capitan Buggionovo prova ad invertire la tendenza con un tiro da tre, eppure anche sui rimbalzi difensivi ora la Samb soffre. Time out chiesto da Aniello che sprona i suoi forse un po’ distratti e appagati in questo quarto finale: mancano 4 minuti e occorre recuperare 7 lunghezze, anche questa è una buona prova in vista del campionato. Ortenzi si fa rivedere con un tiro da tre punti centrato allo scadere del tempo giocabile (alla fine infilerà quattro tiri da tre su 7 tentativi) e dopo un minuto è ancora il “Carletto” rossoblu a sganciare l’armatura pesante e così si va sul 12-13 quando mancano due minuti e mezzo. Pebole manca di pochissimo il canestro del sorpasso, sempre da tre, che si stampa contro un doppio ferro. Ma si è sul 12-15 a due minuti dal termine grazie a due tiri liberi trasformati da Pineto, al quale risponde da pari Cesana. Samb che prova tutto ma Murtagh non è quello scintillante dell’avvio e commette troppi errori in avanti e così Bugionovo è costretto al fallo tattico.

Palla alla Samb quando mancano 50 secondi e i rossoblu sono sul -2, ma l’aggancio non riesce e Pineto gestisce palla fino all’ultimo sbagliando il tiro finale e concedendo il contropiede fulmineo di Murtagh, servito sotto canestro: così il quarto termina 16-16.

Capitan Buggionovo rileva come “guardando i roaster delle altre squadre presumo che sarà un campionato molto equilibrato con tre o quattro squadre che lotteranno per la vittoria finale. Noi siamo una formazione giovane che cercherà di dare il massimo in ogni campo”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 225 volte, 1 oggi)