SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “In questo momento dobbiamo mangiare il pane duro”. Usa una metafora Giuseppe Magi nel prepartita contro la Vis. Il pane duro sta, in questo momento, per la difesa a tre a cui la sua squadra non può rinunciare. Il 4-3-3 visto contro il Renate, per stessa ammissione del tecnico, questa Samb non può reggerlo.

E allora contro la Vis Pesaro ci sarà spazio ancora per tre giocatori dietro. Sarà 3-5-2? Non per forza. “Non rinuncio tanto facilmente ai vecchi amori” assicura infatti Magi che allora domani potrebbe inventarsi un’altro modulo, il terzo in tre gare. Un modulo che concili la solidità difensiva di cui i suoi hanno bisogno con le tre punte che il mister ama.

I convocati

Allora la Samb che scenderà in campo domani potrebbe essere disegnata in campo con un 3-4-1-2. Davanti a Sala dovrebbero giocare Biondi (al posto di un Di Pasquale che a Teramo non ha convinto), Miceli e Zaffagnini. Sugli esterni molto dipende da Rapisarda che ha un affaticamento muscolare e i dubbi su di lui verranno sciolti solo domani. Se non ce la fa spazio a Gemignani sulla destra e Cecchini a sinistra. A centrocampo pure Gelonese e Bove non stanno benissimo e a questo punto forse l’unico sicuro di giocare nei due in mezzo (se sarà 3-4-1-2) è Carlo Ilari. Davanti possibile un Russotto a suggerire dietro Calderini (anche se oggi è stato provato con una certa intensità Minnozzi davanti) e Stanco.

Nella Vis invece due giocatori piuttosto attesi. Da una parte Alessandro Marchi, protagonista degli ultimi sei mesi della scorsa stagione in rossoblu, dove ha lasciato un buon ricordo. E poi Andrea Petrucci, l’ex Monticelli che non ha certo un buon rapporto con la torcida rossoblu che dovrebbe fare l’ala destra nel 4-3-3 di Leonardo Colucci.

Le probabili formazioni:

Samb (3-4-1-2): 

Sala

Biondi Miceli Zaffagnini

Rapisarda (Gemignani) Ilari Signori (Gelonese) Cecchini

Russotto

Calderini (Minnozzi) Stanco

Lazzari Diop Petrucci

Marchi Paoli Buonocunto

Boccioletti Gianola Gennari Rossoni

Tomei

Vis Pesaro (4-3-3)


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.