SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Male al debutto la nuova Samb di Magi che perde 2-0 in casa la prima stagionale in campionato. Decidono la sfida due gol di Gomez e Piscopo, arrivati già nel primo tempo. Leggete le impressioni dei protagonisti.

Franco Fedeli: “E’ successo quello che temevo, abbiamo perso in casa contro il Renate al debutto. Abbiamo giocato male, quando i calciatori giocano così mancano di rispetto verso di noi e verso la città che li ospita. Il pubblico di San Benedetto ormai lo conosco, per questo dico che c’è mancanza di rispetto.

Ci sono nomi importanti ma oggi in campo non si sono visti, il Renate correva e lottava e noi camminavamo. Io dopo le due ultime amichevoli avevo avvertito che qualcosa non andava, già puzzava qualcosa. A centrocampo ci hanno massacrati, non abbiamo vinto un contrasto. Speriamo che sia solo un episodio e che non si ripeta. Voglio parlare con mister e qualche giocatore per capire cosa è successo, i perché di questa prestazione”.

Oscar Brevi: “Questo è un risultato di grande portata per chi, come noi, punta a salvarsi. Abbiamo avuto diverse situazioni per fare gol nel primo tempo e abbiamo capitalizzato. Nella ripresa ci siamo prevalentemente difesi anche se qualche contropiede l’abbiamo messo in piedi. Dobbiamo migliorare anche se la prestazione è stata ottima. L’analisi tattica. “All’inizio li abbiamo presi alti mettendoli in difficoltà mentre a seguire abbiamo chiuso bene gli spazi”. Sul valore della Samb. “Credo sia una squadra costruita per fare un campionato importante, ma questo posso dirlo solo giudicando sommariamente i nomi della rosa.”

Francesco Rapisarda: “Questo risultato non è quello che ci aspettavamo. Abbiamo perso la partita sicuramente perché abbiamo sbagliato delle cose anche se con qualche episodio girato diversamente forse staremmo a parlare di un’altra partita. Non sono alibi ma i primi 20 minuti abbiamo giocato bene poi ci sono stati episodi sfortunati anche nella ripresa. Il primo gol? In settimana sicuramente lo rivedremo, il mister ci dirà quali sono stati gli errori e chi li ha fatti magari. Per me siamo una squadra e gli errori li condividiamo”.

MISTER MAGI TARDA AD ARRIVARE IN SALA STAMPA. L’ALLENATORE E’ A COLLOQUIO COL PRESIDENTE

Giuseppe Magi: “Il presidente ha voluto fare una chiacchierata per capire meglio cosa non ha funzionato e cosa faremo per migliorare. E’ sicuro che tutti si aspettavano una partenza diversa, ma mettersi a tavolino e parlarne è sempre costruttivo. Le parole di Fedeli? Si tende sempre a creare un dualismo fra mister e presidente, la Samb ha bisogno di un’idea di percorso e questa la detta la società, la società voleva una vittoria, non ci siamo riusciti e la proprietà meritava una spiegazione. Fedeli si affida a quello che vede e secondo me il suo giudizio deve essere costruttivo. Cosa non ha funzionato? Siamo partiti contratti, subendo subito su un calcio d’angolo. Poi abbiamo preso metri e abbiamo iniziato a giocare e in quel momento ci hanno fatto il gol dell’1-0. Sul secondo gol siamo rimasti un po’ fermi sul quel tiro ma in tutti e due i casi ci sono errori nostri. Davanti invece abbiamo giocato troppo individualmente, dovevamo affidarci a maggiori combinazioni di squadra. Questo campionato sarà durissimo, dobbiamo trovare l’equilibrio di cui abbiamo bisogno. Oggi abbiamo fatto male più per demerito nostro che per merito del Renate”.


Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.928 volte, 1 oggi)